Rafforzare gli organici dei centri per l’impiego, cancellare le misure che equiparano le sigarette elettroniche ai tabacchi tradizionali e una norma “salva-precari” della scuola. Sono alcune delle proposte di modifica al decreto Dignità concordate da Movimento 5 Stelle e Lega. Gli emendamenti sono stati depositati nelle commissioni Finanze e Lavoro della Camera.

Per quanto riguarda il potenziamento dei centri per l’impiego si tratta del primo passo funzionale al reddito di cittadinanza, misura fortemente cavalcata dai Cinque Stelle in campagna elettorale. L’emendamento prevede che le Regioni una quota delle assunzioni – da stabilire attraverso un accordo Stato-Regioni – che potranno fare tra 2019 e 2021 sia destinata proprio a potenziare i centri per l’impiego “al fine – si legge – di garantirne la piena operatività“.

Relativamente alla cancellazione delle misure che equiparano le sigarette elettroniche ai tabacchi tradizionali, le forze di maggioranza mirano ad eliminare così quella che viene definita la ‘tassa sull’acqua’ e non solo sulla nicotina contenuta nei liquidi delle e-cig, dimezzando conseguentemente l’accisa (dal 50% al 25% dell’equivalente quantitativo di sigarette). Le misure previste servono, si legge nel testo, a “far ripartire il mercato italiano” in attesa delle decisioni dell’Unione Europea. L’emendamento prevede anche che vengano riviste le regole sulla distribuzione.

Nel pacchetto di modifiche concordate da M5S e Lega rientra anche un emendamento che cancella il limite di 36 mesi per le supplenze introdotto con la Buona scuola, dopo il quale il personale amministrativo, tecnico e ausiliario, oltre agli insegnanti, invece della stabilizzazione rischierebbe di non avere più un posto. Lo stop ai contratti a termine oltre i 36 mesi scattava dal 1 settembre 2016 e gli effetti si inizierebbero a vedere a partire da settembre 2019.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Migranti, Fratoianni a Salvini e Toninelli dopo l’esclusiva del Fatto: “Cercate militari che iniziano a raccontare verità”

prev
Articolo Successivo

Livorno, da qui il Pd prova a rinascere. Strategia? Unire centrosinistra e puntare su società civile per nascondere il partito

next