Salvini e il suo tweet in cui invoca le manette per ‘i violenti’ della nave Diciotti? L’ho già detto in una intervista al Fatto Quotidiano: escludo che un ministro possa dare ordini alla magistratura. Non è previsto dalla nostra Costituzione“. Sono le parole pronunciate a In Onda (La7) dal magistrato Piercamillo Davigo, che si sofferma sul ddl leghista relativo alla legittima difesa: “Il testo della legge veramente è stato già cambiato in passato. Però prima di dire che si tratta di una norma dissennata, bisogna tener conto di chi l’ha scritta. Voglio infatti ricordare che la norma iniziale della legittima difesa del codice Rocco non era stata scritta da un pericoloso sovversivo, ma da Alfredo Rocco, il Guardasigilli di Mussolini. Ma c’è di più e di peggio: noi viviamo in un mondo integrato dove ci sono autorità sovranazionali, una delle quali è la Corte Europea dei Diritti dell’Uomo“. Davigo spiega: “Dopo che fu riunificata la Germania, furono messi sotto processo i dirigenti della Grenzpolizei, che avevano dato ordine di sparare coloro che tentarono di oltrepassare il muro di Berlino. E furono condannati per omicidio. Questi poi fecero ricorso alla Corte Europea dei Diritti dell’Uomo, affermando che era stato violato il principio di divieto di retroattività in materia penale. La Corte Europea ha detto che, innanzitutto, secondo la convenzione dei diritti dell’uomo sono fatti salvi da quel divieto di retroattività i comportamenti considerati criminali dalle leggi dei Paesi civili. Cioè” – continua – “sparare a persone disarmate è considerato un crimine dalle leggi dei Paesi civili. In secondo luogo, secondo la Convenzione dei diritti dell’uomo, la vita delle persone è protetta dalla legge, quindi anche quella del ladro. Il problema è che tutte le questioni relative alla cronaca sulla legittima difesa in Italia riguardano persone che sono state colpite alla schiena mentre fuggivano, cioè non c’era più l’offesa in corso”. E commenta lo slogan coniato dal ministro leghista della Pubblica Amministrazione, Giulia Bongiorno (“la difesa è sempre legittima”): “La difesa è legittima quando è difesa. Se non è più difesa, non è mai legittima”. Davigo risponde a una domanda di Luca Telese che, a proposito della recente elezione del magistrato a consigliere del Csm, gli chiede se la sua corrente è vicina al governo M5s-Lega: “Non esistono governi amici, né nemici. La separazione dei poteri è questa. Quello che a me ha sempre inquietato, invece, è la carriera trasversale, cioè quella di chi sta in organi associativi e di auto-governo e poi va a ricoprire incarichi politici. Trovo che violi il principio di indipendenza della magistratura

Sostieni ilfattoquotidiano.it: se credi nelle nostre battaglie, combatti con noi!

Sostenere ilfattoquotidiano.it vuol dire due cose: permetterci di continuare a pubblicare un giornale online ricco di notizie e approfondimenti, gratuito per tutti. Ma anche essere parte attiva di una comunità e fare la propria parte per portare avanti insieme le battaglie in cui crediamo con idee, testimonianze e partecipazione. Il tuo contributo è fondamentale. Sostieni ora

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio della Roma, Luca Parnasi ai domiciliari. Il gip: “Attenuata la possibilità di inquinamento delle prove”

next
Articolo Successivo

Parma, inchiesta Public money: sette anni all’ex presidente partecipata Stt

next