Un caso che ha fatto molto discutere negli ultimi giorni a Treviglio, in provincia di Bergamo, e non solo: tra gli sponsor della Festa dell’Unità, in programma dal 19 al 30 luglio, c’è anche il sexy shop ‘L’isola del piacere‘. La scelta ha creato parecchi malumori, specialmente tra i militanti del Pd, i quali non hanno affatto gradito. Eppure, Evelino Ponzetto, il proprietario del sexy shop che si dichiara di fede Cinquestelle, non ci vede nulla di male: “Io non sono mai stato del Pd. A me hanno solo chiesto di mettere in palio dei premi per la lotteria, gli organizzatori me l’hanno chiesto con l’intento di dare un po’ di pepe alla festa, per ravvivarla. La politica non c’entra niente in questo caso, poi che la festa la faccia il Pd o la Lega è uguale”.

di Salvatore Drago/alanews

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Migranti, la video denuncia di Open Arms: “Guardia costiera libica ha lasciato morire in mare una donna e un bambino”

next
Articolo Successivo

Arriva “Estate Sicura”, la campagna della CRI per superare la prova costume. L’importanza della corretta alimentazione

next