Gli scontri al vertice non sono certo una novità per il presidente dell’Inps Tito Boeri. Quello con il vicepremier Matteo Salvini che domenica è saltato sul carro della relazione tecnica al decreto Dignità per chiedere le dimissioni dello scomodo presidente dell’istituto di previdenza, è solo l’ultimo di una lunga serie. Inaugurata già l’esecutivo che l’aveva nominato, quello di Matteo Renzi. Memorabile, per esempio, lo strappo sul piano anti povertà di Boeri e, soprattutto, sul taglio delle pensioni d’oro pubblicato a sorpresa a fine 2015 sul sito dell’Inps, dopo che era rimasto per mesi a fare la polvere sul tavolo del governo.

Troppo poco tecnico per alcuni, troppo poco politico per Salvini, l’economista nominato al vertice dell’Inps nel dicembre 2014 per risollevare l’istituto che era stato commissariato dopo lo scandalo Mastrapasqua, non si è mai fatto pregare nel dire la sua: dalla flessibilità in uscita dal mondo dal lavoro, ai vitalizi dei parlamentari, dal contrasto alla povertà ai voucher. L’anno scorso si scontrò duramente con l’allora presidente della commissione Lavoro della Camera, Cesare Damiano, difendendo proprio le previsioni fornite dall’istituto. “Ci sembra di essere in presenza – disse in quell’occasione con una lettera alla Commissione parlamentare – di un’operazione volta sistematicamente a gettare discredito sull’Istituto che gestisce la protezione sociale in Italia e sulle statistiche che produce. Se così fosse sarebbe un gioco pericoloso“. In sostanza, lamentava Boeri, potrebbe sembrare che “si metta in discussione ogni proiezione che non corrisponde ai desiderata” di chi la riceve. Uno scontro tutto interno all’Inps aveva invece portato tempo prima alle dimissioni del direttore generale Massimo Cioffi, in disaccordo con Boeri sulla riforma dell’istituto, incentrata sulla dirigenza interna e sul metodo con cui viene selezionata.

Matteo Salvini, quindi, non è certo il primo a chiederne le dimissioni. E non è neanche la prima volta che lo fa: il ministro dell’Interno è del resto consapevole del peso specifico dell’Istituto che gestisce pensioni e ammortizzatori sociali. Ad accendere la prima miccia era stata la questione migranti quando Boeri aveva ribadito che l’Italia ha “bisogno di immigrati regolari che fin da subito paghino i contributi” e non può permettersi di smontare la legge Fornero sulle pensioni: i costi sarebbero molto elevati”. Posizione e numeri non nuove per l’economista, ma Salvini aveva replicato secco: “Dove vive Boeri, su Marte?”. In quell’occasione il responsabile dell’Istituto di previdenza era stato in qualche modo difeso da Luigi Di Maio: “Non so se andremo d’accordo su tutto, ma sul tema delle pensioni d’oro e dei vitalizi lavoreremo bene”, aveva assicurato il capo dei Cinque Stelle affermando che Boeri “resta in carica fino al 2019“, ponendo tuttavia una condizione: “Finché l’esecutivo farà l’esecutivo e l’Inps farà l’Inps andremo d’accordo”. Resta da capire se e cosa è cambiato.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Dl dignità, il giuslavorista Martino: “8mila posti in meno l’anno? Proporzione matematica senza fondamento”

next
Articolo Successivo

Fondazioni, “Basta invocare la privacy per nascondere chi finanzia politici e partiti”. Lo dice anche il Garante della Privacy

next