E’ vestito da Gesù ma giura che non si tratta di una provocazione. “Non è blasfemia, ma volevo usare le icone sacre per catalizzare l’attenzione sulla tematica dell’amore. Noi portiamo un messaggio evangelico, la Bibbia dice ‘dove c’è amore c’è Dio”. Francesco Mangiacapra, l’autore di un libro che poi è diventato un dossier sui preti gay si presenta vestito così al Mediterranean Pride di Napoli. “Il dossier ha dato i suoi frutti ma hanno preso provvedimenti solo per i preti che erano già balzati agli onori della cronaca – dice Mangiacapra – ci sono molti altri provvedimenti in corso ma credo che la Chiesa si muova solo quando scoppia uno scandalo”. Al Pride di Napoli hanno partecipato circa 20 mila persone tra cui il sindaco Luigi De Magistris che a proposito di diritti dice: “E’ grave che ci siano esponenti del Governo e delle Istituzioni che agiscono contro la Costituzione, contro l’articolo 3 che impone l’uguaglianza di tutti”.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Ventimiglia, centro blindato per la manifestazione (in periferia). A farne le spese il bar solidale coi migranti

prev
Articolo Successivo

Disability pride, l’appello di Marco Gentili: “Accessibilità alle cure, alle città, al lavoro, al sesso e alla firma digitale”

next