E’ vestito da Gesù ma giura che non si tratta di una provocazione. “Non è blasfemia, ma volevo usare le icone sacre per catalizzare l’attenzione sulla tematica dell’amore. Noi portiamo un messaggio evangelico, la Bibbia dice ‘dove c’è amore c’è Dio”. Francesco Mangiacapra, l’autore di un libro che poi è diventato un dossier sui preti gay si presenta vestito così al Mediterranean Pride di Napoli. “Il dossier ha dato i suoi frutti ma hanno preso provvedimenti solo per i preti che erano già balzati agli onori della cronaca – dice Mangiacapra – ci sono molti altri provvedimenti in corso ma credo che la Chiesa si muova solo quando scoppia uno scandalo”. Al Pride di Napoli hanno partecipato circa 20 mila persone tra cui il sindaco Luigi De Magistris che a proposito di diritti dice: “E’ grave che ci siano esponenti del Governo e delle Istituzioni che agiscono contro la Costituzione, contro l’articolo 3 che impone l’uguaglianza di tutti”.

A parole nostre - Sogni, pregiudizi, ambizioni, stereotipi, eccellenze: l'universo raccontato dal punto di vista delle donne. Non solo per le donne.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Ventimiglia, centro blindato per la manifestazione (in periferia). A farne le spese il bar solidale coi migranti

next
Articolo Successivo

Disability pride, l’appello di Marco Gentili: “Accessibilità alle cure, alle città, al lavoro, al sesso e alla firma digitale”

next