Gli spot pubblicitari ci hanno abituato a macchine che si parcheggiano da sole, si arrestano in caso di distrazione, bagagliai che si aprono senza l’uso delle mani e molto altro ancora. La realtà filmata in un parcheggio della città di Cap-Chat in Canada sembra però essere differente. Un ragazzo con le mani stracolme di buste si avvicina al bagagliaio della vettura che si dovrebbe aprire con un semplice movimento del piede. Il sensore però fa i capricci e il povero ragazzo è costretto ad infilarsi letteralmente sotto l’auto lanciando a fatica le borse all’interno.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Torino, è già Ronaldo mania. In attesa di CR7 in suo onore sono nati un gelato, un cocktail e una pizza

next
Articolo Successivo

Mettere il bagaglio in cappelliera è un’operazione banale? Provate a chiederlo a questo passeggero

next