Gli spot pubblicitari ci hanno abituato a macchine che si parcheggiano da sole, si arrestano in caso di distrazione, bagagliai che si aprono senza l’uso delle mani e molto altro ancora. La realtà filmata in un parcheggio della città di Cap-Chat in Canada sembra però essere differente. Un ragazzo con le mani stracolme di buste si avvicina al bagagliaio della vettura che si dovrebbe aprire con un semplice movimento del piede. Il sensore però fa i capricci e il povero ragazzo è costretto ad infilarsi letteralmente sotto l’auto lanciando a fatica le borse all’interno.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Torino, è già Ronaldo mania. In attesa di CR7 in suo onore sono nati un gelato, un cocktail e una pizza

prev
Articolo Successivo

Mettere il bagaglio in cappelliera è un’operazione banale? Provate a chiederlo a questo passeggero

next