“Non voglio essere presuntuoso ma Danzando Danzando è la miglior canzone in circolazione, non mi aspettavo questo successo clamoroso. Diciamolo è il vero tormentone dell’estate”, Cristiano Malgioglio è entusiasta del momento d’oro professionale che sta vivendo. Il caldo pomeriggio di Saint Tropez non gli toglie l’energia, organizza il lavoro dei prossimi mesi che lo porteranno nuovamente sul piccolo schermo dopo le numerose tappe estive in giro per l’Italia e non solo.

Pensa di aver scalzato la Ferreri, Paradiso e Soler?
“Ci sono altri tormentoni ma questo batte tutti, sono impazziti sui social e ci sono molti video delle scuole di ballo. Nelle discoteche cantano questa canzone.”

Ci dica chi è Fernando?
“Fernando non esiste, è un nome che mi è venuto in mente ascoltando un pezzo degli Abba. Il mio fidanzato non si chiama Fernando e vive a Dublino, si è pure ingelosito.”

Poteva dedicarla al suo partner.
“Si chiama Micheal, l’ho incontrato qualche anno fa in una discoteca, ma il suo nome non suonava bene (ride, ndr).”

Mi sono innamorato di tuo marito” ha ottenuto ventidue milioni di visualizzazioni, è vero che l’ha dedicata all’attaccante dell’Inter Mauro Icardi?
“Stavo sfogliando il giornale e ho avuto l’ispirazione, mi piace la sua faccia e l’avevo incontrato da Chiambretti.”

Avrà saputo di questa dedica?
“Beh certo, ne hanno parlato tutti. Anche se devo dire che ora ho un debole per Channing Tatum (attore americano, ndr). Mi faccia però dire grazie a Lorenzo Suraci di Rtl che mi ha passato per la prima volta il brano senza snobismo.”

Ora si aspetteranno una terza hit per i prossimi mesi, è già pronta?
“Voglio dedicare un pezzo all’Italia, il titolo provvisorio è “Portami a Panarea”. Lo canterò in creolo usando alcune parole ghanesi per richiamare all’Africa.”

Girerà molto questa estate?
“Sono in questo momento a Saint Tropez, andrò a Cipro, Mykonos e poi sarò in Puglia a Battiti Live in onda su Italia 1. Basta però alle esibizioni notturne, faccio saltare tutte le ospitate in discoteca alle tre del mattino.”

Il Grande Fratello Vip le ha regalato una popolarità sorprendente, una seconda vita televisiva?
“E’ stata la mia fortuna perché mi sono fatto conoscere da una fetta di pubblico giovane che prima non avevo. Per molti i reality sono l’ultima spiaggia ma per me non è stato così, i telespettatori mi hanno apprezzato perché sono stato me messo e ho fatto sorridere tutti.”

Dopo questo successo hanno deciso di puntare su di lei come opinionista dell’edizione nip. Pioggia di polemiche, perfino Piersilvio Berlusconi ha ammesso che si è un po’ esagerato.
“Mi è dispiaciuto per gli attacchi molto duri nei confronti di Barbara D’Urso ma la gente vuole questo e nelle edizioni degli altri paesi si vede anche di peggio. Alcune volte mi sono anche dissociato ma la gente è trash e vuole il trash.”

Il settimanale Spy ha detto che lei sarà nel cast fisso di Domenica In, conferma?
“Ho avuto varie proposte televisive ma mi piacerebbe fare finalmente una cosa tutta mia. Ci sono delle trattative con vari network, con Mara Venier ne ho parlato e sarei contento di lavorare con lei. Le voglio bene da sempre, sicuramente quando mi chiamerà io ci sarò e scapperò volentieri a Domenica In.”

Sarà anche nella squadra del nuovo programma di Chiambretti su Rete 4?
“Io a Piero devo molto perché televisivamente mi ha cambiato pelle, per lui sono disposto a vestirmi anche da geisha con un ombrellino. Gli ho già mandato una foto se vuole gliela mando.”

Geisha a parte, è conteso dunque tra la Venier e Chiambretti?
“Anche la D’Urso mi vuole e non voglio perdere la fetta di giovani che guarda il Grande Fratello. La verità è che preferirei evitare i contratti lunghi per poter fare cose diverse.”

Passa da Rai a Mediaset con molta facilità, dove ci sono più raccomandati?
“Non lo so dire, ho letto l’intervista della Venier al settimanale Oggi  dove diceva che volevano rottamarla. Penso ci siano persone molto più giovani senza talento da rottamare. Non credo nelle raccomandazioni, passo dalla Rai a Mediaset per il semplice fatto che sono un professionista molto serio.”

I suoi detrattori dicono che lei è trash e macchiettistico, cosa risponde?
“Ho tante anime, essere una macchietta è un dono di Dio. Ti dicono macchietta o trash per etichettarti, io voglio essere solo quello che sono. Non mi interessa quello che scrivono o dicono di me.”

Non mi dica che non ha visto il fotomontaggio, ormai virale, con la sua faccia e quella di Cristiano Ronaldo.
“Sono impazziti tutti e mi inviano questa foto di Luigi Rinaldo.”

Si chiama Cristiano, come lei, e di cognome fa Ronaldo.
” (Ride, ndr) Ecco, io però non lo conosco personalmente ma tramite un suo amico ha saputo di questa immagine che circolava e ha voluto sapere io chi fossi. E’ un bel ragazzo ma io di calcio non so niente.”

E’ invece esperto di musica, per chi le piacerebbe scrivere una canzone?
“Ho scritto per Mina, Celentano, la Carrà e tanti altri ma ora non ho desideri particolari. Ultimamente ho mandato un pezzo a Giorgia che se lo avesse inciso avrebbe ottenuto un successo straordinario. Ma adesso si scrivono le canzoni da soli e il risultato ahimè si vedono.”

A proposito di musica che piace ai giovani, lei conosce Young Signorino e le capita di ascoltare la musica trap?
“Per carità, non mi possono interessare le cose di questo Signorino. Impazzisco invece per la voce di Arisa, posso darle in anteprima una notizia. Ho fatto la versione italiana del pezzo di Salvador Cobral, il cantante che ha vinto l’Eurovision nel 2017.”

Considerando la sua popolarità le hanno mai chiesto di candidarsi?
“Mio padre diceva che sarei stato un grande Statista, non so se avesse ragione. Fino a qualche anno fa hanno provato a convincermi ma ho sempre detto di no.”

Andrebbe a cena con Di Maio o con Salvini?
“Con tutti e due perché Di Maio lo trovo simpatico, Salvini mi sembra un uomo di parola. Anche se sul tema dei migranti bisogna essere più accorti. Posso dirle un cosa?”

Dica pure.
“Oggi al porto vedevo dei bambini belli e felici, benestanti con le badanti. Mi è venuto un nodo in gola pensando a quelli bloccati sulle navi che non hanno soldi e non hanno niente. Posso avere dei difetti ma un pregio me lo riconosco: la sensibilità.”