Il 1 agosto dell’anno scorso si presentò alla polizia con il cadavere della fidanzata in auto. Oggi il gup del tribunale di Udine ha condannato Francesco Mazzega, 36 anni, a trent’anni di reclusione per l’omicidio di Nadia Orlando, uccisa la sera del 31 luglio scorso in provincia di Udine. Il delitto era avvenuto a Vidulis di Dignano, a pochi passi dalla casa della ragazza. L’omicida aveva poi vagato tutta la notte con il cadavere nell’auto per poi costituirsi, al mattino, alla polizia stradale di Palmanova.

La sentenza è stata letta oggi in aula, alla presenza dell’imputato e dei familiari della vittima, dal gup Mariarosa Persico, che ha accolto la richiesta di condanna a 30 anni del pm titolare del fascicolo Letizia Puppa, con l’aggravante dei futili motivi e senza concedere le attenuanti generiche.

L’omicidio avvenne in macchina dopo un litigio durante il quale l’uomo strozzò Nadia. Discussioni che sarebbero state legate, in particolare, alla gelosia dell’uomo nei confronti di una fidanzata di 13 anni più giovane. La vittima e l’omicida erano colleghi e lavoravano nell’azienda ‘Lima’ di San Daniele del Friuli, specializzata in protesi ortopediche.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Caporalato, lo dicono i dati: la legge funziona. Basta applicarla

prev
Articolo Successivo

Stefano Cucchi, tracce scritte dell’arresto cancellate dal registro con il bianchetto. Carabinieri in Aula: ‘Pratica non regolare’

next