“Ci sono molte verità che purtroppo vengono sottaciute, in Italia c’è una sorta di disinformazione sistematica. Abbiamo una popolazione che crede che il numero di migranti sia molto maggiore alla realtà”. Lo ha ribadito il presidente dell’Inps, Tito Boeri, intervenendo alla conferenza nazionale dei servizi in rete della Cisl, che si tiene all’Auditorium del Massimo a Roma. “Si pensa che in Italia ci sia 1 immigrato ogni 4 persone, quando in realtà sono meno del 10%, quindi 1 ogni 10 – ha proseguito Boeri -. Se continuiamo a disinformare, a enfatizzare il numero di immigrati, a parlare di invasione in corso, continuiamo a creare questa inconsapevolezza”. “La classe dirigente del nostro Paese dovrebbe essere impegnata in prima fila nel promuovere consapevolezza demografica – sottolinea Boeri -. Chi si trova a governare con una popolazione così disinformata fa molta fatica a far accettare all’opinione pubblica le scelte difficili che la demografia ci impone”.

Gli risponde il vicepremier Luigi Di Maio: “Quella percezione è stata ignorata dalla politica, da una parte i numeri vanno ricordati, dall’altra il fenomeno va governato, altrimenti si rischia di parlare una lingua ai cittadini incomprensibile. C’è un problema nelle periferie, un problema di sicurezza. I cittadini ci chiedono di studiare i dati, ma anche di considerare la loro percezione”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Pd, Boccia: “Fico è di sinistra, può essere il Cristiano Ronaldo del M5s. Calenda? Si candidi, così fa meno tweet”

prev
Articolo Successivo

Governo, Meloni: “Decreto Dignità? Non abbiamo bisogno di tornare al PC anni’80. Boeri mi preoccupa”

next