Promemoria: domenica sul presto
dato che piove metterai il cappotto
al cane e via, passeggiata nel parco
dopo alla Coop, poi all’Ikea e all’Esselunga

(lascialo un euro al ragazzo al carrello
che con quei denti bianchi e il viso scuro
riempie il cuore di buoni sentimenti);
prendere un mazzo di giacinti a nonna

però al negozio di piazza Savoia
(la fiorista tedesca ci sa fare),
se no mia madre rompe; ricordare

che quel nero al carello e mio figlio
hanno simile età, ma non la stessa
schiacciata aspettativa di futuro

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Onda pride, urleremo sempre contro la narrazione tossica del diverso

prev
Articolo Successivo

Utero in affitto, non sto con Salvini ma anch’io dico no alla maternità surrogata

next