Il premier Conte “ha fatto un buon lavoro” e ora l’Italia “ha un peso maggiore in Europa“. Il ministro dell’Interno Matteo Salvini difende l’operato del suo presidente del Consiglio al vertice di Bruxelles e riporta il discorso sui migranti alle questioni di casa: “Questo mese scarso di attività del governo ha aperto ben più di una porta in Europa”, dice il leader della Lega intervistato dal Corriere della Sera. E nonostante il summit abbia visto uscire vincitori i paesi del patto di Visegrad più che quelli di primo sbarco come l’Italia, Salvini mette l’accendo sulla decisione in merito alla battaglia da lui condotta nelle ultime settimane: “Abbiamo messo nero su bianco che quello delle ong è un discorso chiuso: non sono più legittimate”. Ma sulla mancata riforma del trattato di Dublino, ammette: “È vero, era un obiettivo”.

Il riferimento è alla revisione del protocollo che al momento prevede che sia il paese in cui i migranti fanno il loro ingresso a occuparsi dell’esame della domanda d’asilo. Il principio uscito dal lungo vertice Ue è che la riforma di questo trattato può avvenire solo all’unanimità, scenario quasi impossibile visto l’avversità dei paesi dell’Est europa. Salvini rivendica però di aver fatto passare a Bruxelles la linea dura sulle operazioni di salvataggio nel Mediterraneo: “Il fatto di avere messo nero su bianco che chi viene salvato nelle acque maltesi o italiane non necessariamente finirà in Italia è un qualcosa che ci aiuterà non poco”, dice con riferimento alle vicende delle navi Aquarius e Lifeline, per le quali l’Italia ha negato l’approdo e finite rispettivamente in Spagna e a Malta

Secondo il titolare del Viminale, a Bruxelles “si è sancito che nessuno deve interferire con il lavoro della Guardia costiera libica. E infatti Malta chiude e l’Italia ha già chiuso i suoi porti. Anzi – continua il ministro – abbiamo chiuso per gli attracchi di queste navi anche quando non portano migranti. Le navi straniere finanziate in maniera occulta da potenze straniere in Italia non toccheranno più terra”.

Salvini è tornato ancora una volta a toccare il tasto della polemica con il presidente francese Emmanuel Macron: “È lui che continua a provocare. Lui è quello buono, io il cattivo. Strano, visto che lui è quello che ha blindato Ventimiglia persino per i lavoratori italiani e ha accolto 600 migranti sui 9.000 che avrebbe dovuto. Lo fa perché in patria è già ai minimi storici”. Il ministro dell’Interno ha poi annunciato la sua presenza al primo summit con gli omologhi europei del 12 luglio a Innsbruck: “Vedremo di ampliare ulteriormente il nostro peso e le nostre alleanze. Se ti rispettano, ti ascoltano. Se no, ti ignorano. Come dimostrano tutte le direttive di questi anni, dannosissime per l’Italia”, ha detto Salvini.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Salvini canta “Io vagabondo” alla festa della Lega: “Questi sono gli unici nomadi che ci piacciono”

next