Il Tg1 delle 13.30 in onda in formato ridotto, il Tg3 delle 14.20 salta del tutto e pure l’informazione di Rai News24 in “programmazione ridotta” a causa di uno sciopero degli addetti alla produzione delle news nella sede di Roma. E il “buco” potrebbe ripetersi anche per le edizioni delle 19 sulla terza rete e delle 20 sull’ammiraglia.

Ma l’azienda, nonostante la giornata di astensione dal lavoro fosse stata proclamata il 14 giugno, come dimostra la foto in basso, non ha avvisato nessuno. La scelta dei tecnici ha causato un cambio della programmazione nel palinsesto delle reti del servizio pubblico. Lo sciopero non ha invece interessato le sedi regionali, che hanno trasmesso normalmente i telegiornali.

Da Viale Mazzini non è ancora arrivata nessuna nota ufficiale: per il momento è apparsa solo una fascia su RaiNews24, nella quale si informa appunto dello sciopero dei tecnici, e poco dopo le 15 un tweet del Tg3. Mentre la conduttrice dell’edizione delle 13.30 ha allertato circa i motivi dell’edizione ridotta. Ma il ‘buco’ dei telegiornali Rai non è passato inosservato e in tanti hanno segnalato la mancata messa in monda sui social: “Oggi non è andato in onda il Tg3 cosa succede?”, si chiedono gli utenti di Twitter.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Netflix per il Gay pride, la campagna ‘Rainbow is the new black’ è un autogol della comunità Lgbt

prev
Articolo Successivo

Diritti tv, per il calcio le partite in chiaro sarebbero un guadagno. Anche economico

next