Samantha Luna, una studentessa 20enne della California, ha pubblicato sul proprio profilo Facebook un video in cui si vede un’agente di polizia trascinarla brutalmente fuori dall’auto.  L’auto su cui viaggia con degli amici viene bloccata dalla polizia (probabilmente perché uno dei giovani ha messo la testa fuori dal tettuccio). Non eravamo ubriachi, non stavamo facendo male a nessuno” racconta su Facebook. La polizia prima arresta il suo amico, e poi chiede documenti e generalità a Samantha. Lei spiega di avere un doppio cognome perché di origine messicana, ma gli agenti non le credono. Così la situazione si fa sempre più tesa fino a quando una poliziotta la trascina per i capelli fuori dall’auto tra le urla della ragazza (che dice agli amici di riprendere tutto). Così video finisce sui social, raccogliendo in poche ore migliaia di visualizzazioni e commenti

 

 

 

Il Fatto Internazionale - Le notizie internazionali dalle principali capitali e il dossier di Mediapart

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

TRUMP POWER

di Furio Colombo 12€ Acquista
Articolo Precedente

Migranti Usa, 700mila in carcere per anni in attesa di espulsione. I 2300 bimbi separati dalle famiglie? Sparpagliati in 17 Stati

next
Articolo Successivo

Turchia, qui a Istanbul c’è una parte della nostra storia

next