La Nigeria batte 2-0 l’Islanda, dimostra che la squadra della Geyser sound non è poi questo grosso ostacolo, ma soprattutto fa un regalo all‘Argentina. Dopo due prestazioni tragiche e un solo punto racimolato in classifica, all’Albiceleste basterà battere proprio gli africani per essere ragionevolmente tranquilla di passare comunque agli ottavi.

Grazie alla doppietta di Ahmed Musa, la Nigeria sale infatti a quota 3 punti nel girone D, seconda dietro alla Croazia che guida con due vittorie su due. Poi ci sono Islanda e Argentina a un punto. Chiaramente Messi e compagni non possono permettersi più passi falsi: serve a tutti i costi vincere. In tal caso solo una vittoria dell’Islanda contro la Croazia e una migliore differenza reti dei nordeuropei rispetto all’Argentina, costringerebbe il ct Sampaoli e tutta la sua squadra a fare le valige.

C’è però un altro aspetto da considerare, non di poco conto. L’Albiceleste vista finora rischia di non riuscire a vincere anche contro la Nigeria, squadra che ha dimostrato di essere ancora più fisica e tignosa dei colossi islandesi. Il ct Rohr ha saputo controllare la famosa grinta degli avversari, parsa invece incontenibile contro l’Argentina, per poi farsi trascinare dai due gol del suo attaccante. Ora gli africani sognano gli ottavi: più che da loro, dipenderà da che Seleccion si troveranno davanti. Una cosa è certa: sono stati propri i nigeriani a regalare ai sudamericani quest’ultima chance.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Russia 2018, le palle di Putin / Tra ultras spariti, bisticci antidoping e cori islandesi

next
Articolo Successivo

Mondiali 2018, i ‘kosovari’ Xhaka e Shaqiri segnano alla Serbia e fanno il gesto dell’aquila. E Belgrado si arrabbia

next