di Fabio Grasso

Sarebbe interessante conoscere quanto la Benetton destini del suo budget, da multinazionale, per la pubblicità. Soldi spesi male dato che emergono parecchi interrogativi sulla validità della comunicazione ai clienti per invogliarli nell’acquisto dei suoi prodotti. Almeno, a ciò dovrebbe servire una pubblicità fatta bene. Cosa c’entrano i migranti con le magliette di Benetton? Certo, comprendo che l’originalità della foto – e del tema che propone – non c’entra nulla con l’abbigliamento. L’originalità innanzitutto. Tuttavia l’arte e l’originalità stessa sono ingredienti che vanno dosati con gusto e parsimonia se si vuole ottenere un risultato armonico ed equilibrato. In una parola, artistico. Sarebbe come fare la pubblicità di una marca di cibo per cani, proponendo la foto di un’astronave. Il consumatore dovrebbe cogliere il nesso?

La foto avrebbe avuto molto più effetto e tutta la campagna pubblicitaria ne avrebbe risentito positivamente se i migranti avessero indossato abbigliamento e accessori Benetton così da essere immortalati con vestiti idonei. Anzi, per scriverla tutta, avrei accettato un emolumento finanziario se Benetton avesse accolto la mia idea, creativa, di dotare i salvagenti arancioni del classico logo, appunto, “Benetton”. Per i canotti, lo stesso, avrei suggerito di renderli consoni allo spirito da multinazionale dell’abbigliamento.

Le curiosità su Benetton proseguono chiedendo, per esempio, quale tipo di iniziative metta in campo, la multinazionale, per dare visibilità alla realtà dei senzatetto, mai sufficientemente alla ribalta della cronaca di una società “civile” che osanna i migranti ma strazia, noncurante, esseri umani a rischio perenne di incolumità, raggomitolati sotto le nostre case. Così, se Oliviero Toscani vuole rappresentare ciò che accade, non c’è peggiore vergogna della coesistenza incivile di senzatetto e passanti indifferenti, che osserveranno i cartelloni pubblicitari di Benetton, nel caos metropolitano straniante. Operosi amministratori della solidarietà cercheranno di integrare i richiedenti asilo, passando oltre i senzatetto. Che mostrano ogni ora di ogni giorno dell’anno il fallimento della più elementare integrazione civile.

Benetton dovrebbe anche specificare, quanto del suo budget destina alla beneficenza e allo sviluppo dei popoli africani, che pur si pregia di ritrarre nelle foto “pubblicitarie”. E quanto destina per l’accoglienza e l’integrazione dei senzatetto, vicini di casa di tutti noi e a stretto gomito.

In definitiva, non credo che le foto pubblicitarie possano in alcun modo aumentare gli acquisti, le vendite e il fatturato dell’azienda. Sarebbe utile, per Benetton, rivedere le strategie di merchandising e di comunicazione, assoldando per lo scopo delle menti creative con una visione artistica realmente d’avanguardia ma pur sempre adatta alle esigenze del mercato e indipendenti dal pensiero unico, qualità imprescindibili per gli artisti.

Di foto e filmati che mostrano la realtà il web è pieno. E’ forzato che Toscani mostri il tema dei migranti a fronte di vergogne umanitarie mai sufficientemente alla ribalta come l’oppressione palestinese, la guerra in Siria, i bombardamenti in Yemen, la crisi umanitaria in Venezuela, le nefandezze del regime nord-coreano e tutto il resto dell’umana follia. Al contrario dei migranti, strumenti di un progetto su scala globale, perennemente sotto i riflettori e, adesso, usati commercialmente. Grazie.

Il blog Utente Sostenitore ospita i post scritti dai lettori che hanno deciso di contribuire alla crescita de ilfattoquotidiano.it, sottoscrivendo l’abbonamento Sostenitore e diventando membri del Fatto social club. Tra i post inviati Peter Gomez e la redazione selezioneranno quelli ritenuti più interessanti. Questo blog nasce da un’idea dei lettori, continuate a renderlo il vostro spazio. Se vuoi partecipare sottoscrivi un abbonamento volontario. Potrai così anche seguire in diretta streaming la riunione di redazione, mandandoci in tempo reale suggerimenti, notizie e idee, sceglierai le inchieste che verranno realizzate dai nostri giornalisti e avrai accesso all’intero archivio cartaceo.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Matteo Salvini, ieri l’Aquarius, oggi i rom. L’indignazione è una trappola

prev
Articolo Successivo

Privacy: il Parlamento contesta il decreto al governo, che nel frattempo è cambiato

next