Dopo aver incontrato i sindacati e il presidente della regione Puglia Michele Emiliano, in attesa del vertice con Ancelor Mittal, sul caso Ilva il ministro del Lavoro e dello Sviluppo economico, Luigi Di Maio, ha voluto vedere anche il presidente di Confindustria Vincenzo Boccia. “È stato un vertice interlocutorio”, ha rivendicato il numero uno degli industriali. Sulle decisioni, però, ancora tutto ‘congelato’, con Di Maio che non scopre ancora le sue carte: “Ipotesi prestito ponte e riconversione? Non si è parlato di questo. Il ministro si è riservato di continuare ad ascoltare le parti e poi arrivare a una decisione, che ci sembra anche corretto. Lasciamolo lavorare e confidiamo in una soluzione che sia nell’interesse del Paese”, ha continuato Boccia. E ancora: “Non ci ha anticipato nulla, penso che voglia studiare, approfondire e ascoltare e questo è un buon segnale per noi”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Stadio Roma, Renzi: “Bonafede? Direi Malafede. Peccato non venga a riferire alla Camera, una volta predicava trasparenza”

next
Articolo Successivo

Migranti: caro Di Maio, se lei e Salvini tradite la Costituzione io vi ripudio

next