Due immigrati provenienti dal Mali, che fanno parte del progetto Sprar del comune di Caserta, hanno denunciato alla polizia di essere stati vittima di un episodio a sfondo razzista: secondo il loro racconto, l’11 giugno scorso sono stati raggiunti da alcuni colpi di pistola ad aria compressa. A sparare, tre ragazzi italiani al grido “Salvini, Salvini!“.

“Intorno alle ore 22, mentre tornavano a casa, all’incrocio tra viale Lincoln e via Salvatore Commaia sono stati avvicinati da una Fiat Panda di colore nero, a bordo della quale viaggiavano tre giovani italiani”. A raccontare l’accaduto è il Centro sociale Ex Canapificio, l’associazione che insieme alla Comunità Rut delle Suore Orsoline e alla Caritas gestisce il progetto Sprar di cui i due malesi sono beneficiari. “Brandendo una pistola ad aria compressa al grido “Salvini, Salvini!”, hanno sparato due colpi di pistola a distanza ravvicinata”. Uno dei due è rimasto ferito (due giorni di prognosi), mentre l’altro ne è uscito illeso.

Come riporta Il Mattino, i due hanno sporto formale denuncia grazie al supporto di un’operatrice legale e dell’avvocato difensore Francesco Pugliatti. È stato anche richiesto il sequestro di una telecamera della zona. “Siamo profondamente sconcertati e indignati per quello che è accaduto”, scrivono in un comunicato i responsabili del Centro sociale. Le vittime “sono arrivate in Italia più di due anni fa dopo essere fuggite dal Mali, uno dei paesi distrutti da guerre, povertà e siccità”. Uno dei due “dopo anni di attesa è finalmente riuscito ad ottenere un permesso di soggiorno per motivi umanitari rilasciatogli dalla Commissione territoriale per la protezione internazionale di Caserta”.

Nel comunicato i responsabili dello Sprar citano i recenti fatti di San Ferdinando, dove ha perso la vita il sindacalista Soumayla Sacko, l’aggressione a un richiedente asilo in un centro di accoglienza a Sulmona del 12 giugno, la storia dell’Aquarius. “In questo contesto”, spiegano, “è doveroso interrogarsi: Perché? Cosa succede? Qual è il collegamento di un gesto simile con il ministro Salvini? Invitiamo quest’ultimo e l’intero governo a prendere spunto da questo episodio per interrogarsi sulle scelte da fare e propagandare, così come speriamo che i rappresentanti istituzionali eletti possano presentare interrogazioni parlamentari per chiarire ciò che è accaduto e che le forze dell’ordine agiscano adeguatamente”.

Foto di archivio

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Soldati e diritti sindacali, la legge compie quarant’anni e diventa incostituzionale

next
Articolo Successivo

Sinodo dei vescovi, per i giovani sono omosessualità, gender e hikikomori i temi “da affrontare in maniera concreta”

next