Torna domenica 17 giugno alle 23.15 con il terzo e ultimo appuntamento la docu-serie “Il mio nemico”, in onda per tre settimane su Sky Atlantic HD all’interno del ciclo de “Il racconto del reale” e disponibile su Sky On Demand.

 Prodotto da Showlab e scritto e ideato da Luigi Pelazza, “Il mio nemico” un racconto in soggettiva, fatto attraverso l’avvincente testimonianza in prima persona di due insider, infiltrati rispettivamente tra i simpatizzanti dell’Isis in Italia e nelle milizie dello Stato Islamico, e quella di Luigi Pelazza, regista-narratore sul campo, al seguito delle milizie del generale libico Haftar. Una missione compiuta a rischio della vita.

Nell’ultimo episodio Luigi Pelazza sulla linea del fronte, accompagnato da un colonnello delle truppe di Haftar; l’infiltrato interrompe i contatti con lui, ma continua a svolgere la sua missione. L’atroce quotidianità dell’infiltrato, fatta di indottrinamento, raid, interviste a futuri “martiri” realizzate per essere diffuse nel web come veri e propri filmati pubblicitari, va di pari passo con il racconto di Luigi Pelazza da Bengasi, una delle ultime zone ancora in mano alle milizie dell’Isis. Faccia a faccia con la guerra, la morte, la paura e il coraggio, affianca i soldati di Haftar nella battaglia finale per la liberazione della città

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

La nave Dattilo arriva a Valencia con i migranti dell’Acquarius: sbarcate 274 persone dopo 9 giorni in mare

prev
Articolo Successivo

Mosca, paura all’ombra dei Mondiali: taxi travolge pedoni in centro. L’autista tenta fuga e viene catturato

next