Di cose insieme Fedez e J-Ax ne hanno fatte e non poche. Numeri da capogiro per il loro dischi, un singolo dopo l’altro in vetta alle classifiche, e perfino un concerto a San Siro dal profetico titolo “La finale”. Ora le strade dei due sarebbero in via di separazione. Una separazione che, stando a Chi, ha come motivazione “la scelta di J-Ax di diventare testimonial della cannabis “legale” che ha chiamato Maria Salvador. Perché sembra infatti che Fedez non abbia mai condiviso questo tipo di iniziativa. Quale sarà il sequel di questa rottura clamorosa?”. Questo quanto si legge sul settimanale diretto da Alfonso Signorini.

Come è noto, J-Ax ha infatti aperto un negozio nel cuore di Milano nel quale vende la sua marijuana legale, “Maria Salvador”: “Non lo faccio per il business, altrimenti aprivo una catena, volevo solo dare casa alla mia cannabis Maria Salvador”, ha spiegato a J-Ax al FQMagazine. “È arrivato il momento giusto nella mia vita per farlo. Da un anno e mezzo non vivo più paranoie ed effetti negativi dovuti alla ganja normale. Dicono che succede ai fruitori quando arrivano sui 40 anni. Chi la vende come droga ha fatto continui innesti per potenziarla nei decenni, tanto che il THC negli anni settanta era tra il 3 e il 5% e oggi varia dal 15% al 20%. Gli effetti erano esagerati, non la reggevo più”.

 

 

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Toy boy o toy girl? Dibattito su Mariti Inutili, il nuovo libro di Januaria Piromallo e Roselina Salemi

next
Articolo Successivo

Jamie Foxx accusato di aver schiaffeggiato una donna con il suo pene. Lui: “Non è mai accaduto”

next