Emeline Gier, figlia di 19 mesi del campione statunitense di sci Bode Miller, è morta lunedì all’ospedale di Orange County, in California, dopo un ricovero di due giorni. La piccola era stata ritrovata priva di sensi sabato sera nella piscina di un vicino di casa di Miller e della moglie Morgan Beck a Coto de Caza, sud di Los Angeles, dove la famiglia si trovava per una festa. Appena ritrovata la bambina, Miller e la moglie avevano subito chiamato i soccorsi, ma come riferito dal capitano dei vigili del fuoco Tony Bommarito “i medici non sono riusciti a rianimare il corpo nonostante un lungo lavoro”.

“Siamo devastati – ha scritto Miller su Instagram – la nostra bimba Emmy è morta. Mai nella vita avrei potuto pensare di provare un dolore simile”. La polizia ha aperto un’inchiesta e la federazione statunitense di sci ha twittato un messaggio di condoglianze alla famiglia. Miller, 40 anni, è lo sciatore più pluripremiato nella storia degli Stati Uniti, con quattro ori mondiali e sei medaglie ai Giochi Olimpici invernali, tra cui un oro nella super combinata. Nel 2012 ha sposato la pallavolista Morgan Beck, dalla quale ha avuto un figlio, Edward, nato nel 2015, un anno prima di Emeline.