Amazon Italia deve assumere 1.300 interinali perché ha sforato le quote per l’utilizzo di “lavoratori somministrati”. La decisione è stata presa dall’Ispettorato del lavoro al termine dell’accertamento, che mirava anche a chiarire la regolarità dell’utilizzo di braccialetti informatici per il controllo a distanza e il miglioramento della ricerca dei pacchi da parte dei dipendenti.

Gli interinali potranno chiedere la stabilizzazione dal primo giorno del loro utilizzo, ha stabilito gli ispettori. “Si è concluso, con notificazione del verbale di contestazione del 30 maggio – si legge nella nota dell’Ispettorato – l’accertamento iniziato nei confronti della ditta Amazon Italia Logistica lo scorso 7 dicembre. È stato contestato all’azienda di aver utilizzato, nel periodo da luglio a dicembre 2017, i lavoratori somministrati oltre i limiti quantitativi individuati dal contratto collettivo applicato”.

Gli ispettori hanno contato i contratti ed è emerso che l’impresa, a fronte di un limite mensile di 444 contratti somministrazione attivabili, lo ha sensibilmente superato utilizzando in eccesso un totale di “1.308 contratti per lavoratori somministrati”. L’impatto della contestazione sarà immediato: “Si evidenzia – scrivono gli ispettori – che l’iniziativa ispettiva potrà consentire la stabilizzazione degli oltre 1.300 lavoratori interinali utilizzati oltre i limiti, i quali pertanto potranno richiedere di essere assunti, a tempo indeterminato, e a far data dal primo giorno di utilizzo, direttamente dalla società Amazon”.

Amazon Italia era stata anche al centro del dibattito per l’utilizzo di braccialetti informatici per il controllo a distanza e il miglioramento della ricerca dei pacchi da parte dei dipendenti. Su questo aspetto non sono invece emerse irregolarità: “In esito ad altri profili oggetto di accertamento – si legge sempre nella nota – non sono invece emerse irregolarità, né sono state accertate violazioni in tema di controllo a distanza dei lavoratori“.

Tra le prime reazioni c’è quella di Fiorenzo Molinari, segretario della Filcams-Cgil di Piacenza, dove Amazon ha uno dei suoi magazzini: “È una notizia molto importante. Adesso chiederemo un incontro all’azienda e alle agenzie di somministrazione per parlare della vicenda”. Amazon ha risposto alle contestazioni definendosi “un datore di lavoro corretto e responsabile“: “Rispettiamo il lavoro svolto dall’autorità ispettiva e ci impegniamo affinché tutte le osservazioni che ci vengono rivolte siano affrontate il più rapidamente possibile”. Negli ultimi due anni, secondo Amazon, “le conversioni sono state 500 nel 2016 e 270 nel 2017 e il nostro impegno è continuare a crescere”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Lavoro, la prima direttiva di Di Maio: “Parlamentari locali potranno partecipare ai tavoli di crisi”. Calenda: “Un errore”

next
Articolo Successivo

Torino, lavoratrice deve curare il marito malato: i colleghi le cedono ore di ferie

next