“Deve esserci prima di tutto un rapporto umano forte, cioè, è giusto venire pagati per il lavoro ma siccome la nostra sarà quasi una convivenza forzata… ha presente Quasi amici, il film? Ecco, Driss all’inizio era uno scapestrato ma una volta creata la sintonia con Philippe, la disabilità spariva completamente. Driss trattava Philippe come una persona normale, lo prendeva anche in giro, proprio come si farebbe tra amici, appunto”.

Cristiano Rossi, alias Cris Brave, 21 anni e una tetraparesi spastica, sogna di avere accanto una persona come il personaggio Driss del film Quasi amici. Cristiano vive su una carrozzella ma è convinto che la disabilità non esista e con J-Ax e Fedez si è esibito a San Siro davanti a migliaia di persone, facendo ascoltare la sua musica.

Tramite il rap il ragazzo ha trovato la sua strada e ora ha lanciato una campagna di raccolta fondi su GoFundMe per trovare anche la sua indipendenza. Cristiano vorrebbe infatti essere indipendente, imparare l’inglese, viaggiare e conoscere il mondo e l’iniziativa servirà a trovare una persona fidata che lo aiuti, una figura professionale che gestisca la sua quotidianità “fatta di tante piccole e grandi difficoltà che da solo non posso risolvere”.

Sulla pagina della campagna Cristiano posa con Fedex, J-Ax, Nina Palmieri, Luis e Chiara Ferragni. Quest’ultima ha anche già elargito una generosa donazione alla campagna di crowdfunding.

Le donazioni alla campagna di Cristiano sono pervenute da tutta Europa e a qualche giorno dal lancio, la campagna è stata quella più di tendenza a livello mondiale sul portale. Lanciata negli Stati Uniti nel 2010, GoFundMe è la più grande piattaforma al mondo di raccolta fondi. Nell’ultimo anno, nel nostro Paese sono stati donati sul sito quasi 2,5 milioni di euro. A livello globale vi sono stati raccolti un totale di 5 miliardi di euro, grazie al contributo di 50 milioni di donatori. Recentemente GoFundMe è diventata anche la sola piattaforma peer-to-peer di fundraising in Italia che non prevede il pagamento di una commissione.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Sono nato al Sud e pensavo di essere uno sfigato. Poi ho viaggiato e ho capito

prev
Articolo Successivo

Il discorso di Liliana Segre parla anche di Papa Francesco

next