Elisa Liberatori Finocchiaro

Elisa Liberatori Finocchiaro

Manager del Sud-Europa, GoFundMe

Attualmente sono Southern Europe Regional Manager presso la piattaforma di fundraising Gofundme e mi occupo delle campagne per Italia, Spagna e Portogallo.

Dal novembre 2012 all’ottobre 2016 ho lavorato per Change.org, la piattaforma di petizioni online. Da direttrice in Italia di Change.org ho portato il sito italiano a sei milioni di utenti registrati e 650 vittorie. Change.org mi ha fatto partecipare a un grande cambiamento, quello del potere mediatico che diventa diffuso grazie al web; mi ha fatto conoscere e dato l’opportunità di aiutare le persone più diverse – diverse tra loro e diverse da me – ad avere una voce potente; mi ha fatto parlare dal palco di un TEDxdi cambiamento sociale, e insegnare a giornalisti del Gambia come usare i media per fare campagne volte a sradicare le mutilazioni genitali femminili.

Mi sono occupata della comunicazione per vari progetti, l’ho fatto per la Fao; l’ho fatto sul campo con Medici senza Frontiere, in particolare a Malta con i migranti e durante l’epidemia di colera a Luanda, in Angola.

Ho viaggiato molto da sola, principalmente in Africa e America Latina e ho raccontato le storie dei miei viaggi grazie a una tastiera e ad alcune macchine fotografiche.

Mi sono laureata in Giornalismo con una tesi di ricerca svolta in Rwanda scoprendo che c’è un terribile legame tra media, linguaggio coloniale, colonialismo e genocidio. Precedentemente mi ero laureata in Antropologia, ma la laurea più importante l’ho presa grazie alle esperienze di vita che i viaggi mi hanno regalato: trascorrere delle giornate con i bambini di strada a Città del Messico; attraversare l’America Latina lungo il Rio delle Amazzoni; rimanere a nuoto, al largo dell’Oceano per ben sei ore nel nord del Brasile a causa di una corrente temibile; assistere ai processi degli aguzzini dei campi di tortura della dittatura argentina con una sopravvissuta; assistere ai Gacaca in Rwanda e a una gara di graffiti in una favela. Insomma grazie alla vita che mi ha dato tanto.

http://bit.ly/2q8bXJC

Adn Kronos Adn Kronos www.adnkronos.com