Seconda parte dell’accesa polemica tra il deputato Pd, Gennaro Migliore, e il giornalista Mario Giordano nel corso de L’Aria che Tira, su La7 (qui la prima parte). La querelle raggiunge il clou, quando Giordano ripete all’indirizzo di Migliore: “Si vergogni”. La conduttrice, Myrta Merlino, è costretta a lanciare un servizio per far sbollire gli animi. Ma lo scontro riprende dopo qualche minuto, quando deputato dem menziona le accuse del neo-ministro dell’Interno, Matteo Salvini, contro il sindaco di Riace, Mimmo Lucano (“sei uno zero”) per la sua politica di accoglienza di immigrati. E cita l’omicidio di Soumaila Sacko, il migrante maliano di 29 anni ucciso a San Calogero (Vibo Valentia) da una delle fucilate che hanno ferito altri due connazionali: “Salvini vada a vedere come funziona una struttura controllata anche dal governo, come il Cara di Crotone. Io personalmente, insieme a una delegazione del Pd, mi recherò a Rosarno, dove questa impunita intolleranza ha fatto sparare in testa a un ragazzo che aveva solo il torto di difendere i diritti degli immigrati”. “Ma perché la baraccopoli di Rosarno non l’avete chiusa? Adesso addirittura ce ne sono due”, chiede a più riprese Giordano. Migliore continua: “Io non voglio vivere in un Paese dove il ministro dell’Interno se la prende con chi fa integrazione e quando va in Calabria, non si reca a Rosarno. Io spero che lo faccia, perché, anche se Salvini dice che i presunti assassini siano legati alla ‘ndrangheta, per me il contrasto alla criminalità organizzata e allo sfruttamento delle persone viene prima di qualsiasi propaganda e demagogia”. “Rosarno l’avete lasciata lì per 5 anni” – ribatte Giordano – “Ora le baraccopoli sono raddoppiate. Quanti servizi abbiamo fatto? E adesso andate giù a Rosarno? Lei fa ridere, onorevole Migliore”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo, Giordano vs Migliore: “Non ha mai fatto una mazza su immigrazione”. “Lei non ride, ma ghigna”

prev
Articolo Successivo

Calabresi vs Padellaro: “Da Repubblica mai attacchi a Il Fatto”. “Scalfari ha scritto cose molto pesanti”

next