Giorgio Napolitano mi chiese di cambiare due ministri”. L’altra sera a Otto e mezzo, Matteo Renzi ritira fuori una nota vicenda. E adesso che c’entra?

Storia recente: nel 2011 Napolitano, dopo la fine del governo Berlusconi, non scioglie le urne e a governare ci va Mario Monti. Due anni dopo Pier Luigi Bersani piange la “non vittoria” elettorale. Enrico Letta diventa premier di un governo di larghe intese e poi viene “defenestrato” da Renzi. Il quale conduce un corpo a corpo con l’allora presidente della Repubblica e accetta svariati suggerimenti. Non solo Andrea Orlando invece di Nicola Gratteri alla Giustizia, ma anche Pier Carlo Padoan all’Economia, per dire. È solo l’inizio: per tutti gli anni in cui governa, Renzi a parole rottama, rompe, rovescia i tavoli, a fatti media, magari malamente, cerca compromessi.

Il Pd sotto la pressione dei presidenti della Repubblica più volte si aggiusta, si lascia convincere. Intanto, lentamente, perde la sua “ragione sociale” e la sua base elettorale. Domenica sera, lo scontro sul nome di Paolo Savona al Mef pareva frontale: da una parte Sergio Mattarella, dall’altra Matteo Salvini che si trascinava dietro anche Luigi Di Maio. Ora, il leader del Movimento è passato dalla richiesta di impeachment all’asse con il Colle. Parola d’ordine: “Spostare Savona”.

Che farà Salvini? Il leader leghista ha appena fatto il record assoluto di ascolti a Di martedì, è in ascesa costante nei sondaggi. Mentre macina comizi, non si risparmia una diretta Facebook. Tratta con tutti, parla con chiunque. Alterna la ruspa e la felpa. Un giorno chiede il governo, uno il voto. Anche se a questo punto è chiaro a tutti che preferirebbe andare alle elezioni. O, se proprio non ci riesce, governare ma alle sue condizioni. Il punto è che Salvini si sta ponendo come un leader completamente diverso “strutturalmente” da quelli degli ultimi anni: se un segretario del Pd aveva tra i suoi “obblighi” non scritti quello di giocare di sponda con la presidenza della Repubblica, il capo del Carroccio appartiene a una tradizione politica del tutto diversa. Salvini guarda all’Europa di Viktor Orban e di Marine Le Pen, accarezza l’idea di guidare una destra di rottura. È tosto, ostentatamente spregiudicato, con alle spalle un partito che è (ancora) un esercito compatto, piuttosto che un guazzabuglio di bande, e ha un braccio destro come Giancarlo Giorgetti, dialettico, ma leale.

Insomma, l’esasperazione del conflitto con Mattarella fa parte del gioco di Salvini. Di più: anche del suo progetto politico. Per vedere fino a che punto può arrivare, prima di incartarsi pure lui, all’alba dell’89° giorno di gioco dell’oca, non resta che aspettare la prossima puntata, in onda su tutte le reti nazionali. Magari, andando avanti così, ci sarà pure un’altra svolta epocale: i diritti della crisi li compra Netflix e li manda in diretta streaming.

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Governo, a quelli che #IostoconMattarella chiedo: ma Mattarella sta con voi?

next