Un video amatoriale girato da una donna su un balcone di un appartamento sotto cui è passato il killer di Liegi mostra l’uomo (poi colpito a morte dalla polizia – video), vestito di nero e con le due armi in mano sottratte alle poliziotte uccise, gridare a più riprese nella strada ormai già deserta “Allahu Akbar“. Lo ha pubblicato la tv belga Rtbf sul suo sito. La donna, mentre filma la scena, lo apostrofa in francese, “sei fortunato che non sia armata, altrimenti saresti già morto nella tomba”, e poi a un certo punto lo insulta usando anche l’italiano “vaffa…”

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Liegi, entrano in azione le forze speciali. In un video il momento in cui l’attentatore viene ucciso dalla polizia

prev
Articolo Successivo

Kiev, giornalista e scrittore russo Arkady Babchenko è vivo. Omicidio era una messa in scena: “Chiedo scusa”

next