Quasi il 90 per cento dei seggi uninominali nelle due camere, 72 deputati in più e una pattuglia di senatori che si ingrosserebbe superando quota 200. È lo scenario ipotizzato dall’Istituto Cattaneo in caso di un alleanza-cartello elettorale tra M5s e Lega, al netto di un comportamento identico da parte dei votanti in caso di ritorno alle urne nei prossimi mesi. A Forza Italia e Pd resterebbero “una manciata di seggi urbani, a Milano e Torino” e alcuni collegi tra Emilia, Toscana e Trentino-Alto Adige. A conti fatti, Luigi Di Maio e Matteo Salvini avrebbero il 68,8% dei deputati e il 67,6% dei senatori: una maggioranza qualificata che darebbe mano libera alla maggioranza anche per le riforme costituzionali.

“L’ipotetica alleanza tra M5s e Lega – ammesso, lo ripetiamo, che gli elettori si comportino nelle nuove elezioni come nelle precedenti del 4 marzo – consentirebbe ai due partiti di conquistare all’incirca il 90% dei seggi nelle due camere”, afferma l’analisi dell’Istituto Cattaneo. Il cartello giallo-verde, scrivono i ricercatori, risulterebbe il più votato in 219 collegi su 232 (94,4%) alla Camera dei deputati e in 104 collegi su 116 (89,7%) al Senato”. Un risultato che consentirebbe, sottolinea l’istituto di ricerca bolognese, di superare il “dualismo geografico” che si è manifestato nelle ultime elezioni. “Aggiungendo i voti derivanti dalla parte proporzionale nell’assegnazione dei seggi questa alleanza – che oggi può contare alla Camera su 343 parlamentari (55%) e al Senato su 167 (54%) – precisano i ricercare “potrebbe reggersi in entrambe le aule su una maggioranza parlamentare pari ai due terzi dei componenti: 425 a Montecitorio (68,8%) e 209 a Palazzo Madama (67,6%)”.

La premessa, chiarisce l’Istituto Cattaneo, è che lo scenario è “ipotetico” perché “i due partiti provengono da storie politiche ed elettorali molto diverse” ma, “la collaborazione per la stesura del ‘Contratto per il governo del cambiamento’ e il successivo accordo trovato dai leader delle due formazioni politiche potrebbe rappresentare la base per una successiva alleanza di natura puramente tattica o elettorale”. Un’alleanza che al momento non viene esclusa né dalla Lega – che rinfaccia a Forza Italia troppo filo-europeismo – né da alcuni esponenti dei Cinque Stelle.

La simulazione, precisano ancora Cattaneo, vive anche di altre due incognite fondamentali: l’effettiva scomposizione delle coalizioni che si sono confrontate il 4 marzo, in particolare quella di centrodestra che, nel suo insieme, è risultata la prima nelle urne e la compattezza degli elettorati se dovessero trovarsi all’orizzonte una profonda ricomposizione dell’offerta partitica. “Di fronte a proposte politiche differenti – spiega l’Istituto – che ridisegnano il quadro delle alleanze e delle linee di divisione tra i partiti, le risposte degli elettori potrebbero risultare significativamente diverse rispetto a quelle registrate nel voto del 4 marzo”. Tuttavia, conclude lo studio “la differenza nel comportamento elettorale non è ancora quantificabile e molto dipenderà dalla capacità dei partiti, soprattutto di quelli che attualmente aspirano al governo, nel presentare ai propri elettori fronti piuttosto omogenei, magari compattati davanti a uno o più avversari comuni, chiaramente identificabili”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Governo, Boccia (Pd): “Fiducia a Cottarelli? Ne dobbiamo discutere. Pd? Primarie per il prossimo candidato premier”

next