Il caso Gurtel scuote alle fondamenta il governo di Mariano Rajoy. Ventiquattro ore dopo la sentenza con la quale la Audiencia Nacional di Madrid ha condannato a 33 anni l’ex tesoriere del Partito Popolare Luis Barcenas, a 15 anni sua moglie Rosalia Iglesias e a 51 anni Francisco Correa, la mente che aveva messo in piedi una rete di fondi neri destinati al Pp, il principale alleato del premier conservatore, Ciudadanos, ha chiesto che il capo del governo convochi “nelle prossime settimane elezioni anticipate“, minacciando di votare la mozione di sfiducia presentata dai socialisti al Congresso.

La direzione socialista è stata convocata in sessione straordinaria questa mattina dal segretario Pedro Sanchez. Giovedì il leader di Podemos Pablo Iglesias aveva preannunciato appoggio alla mozione: “Nessuna democrazia può sopportare un partito delinquente al governo”, aveva detto Iglesias.

Ferma la risposta di Rajoy. Il primo ministro ha contrattaccato affermando che la mozione presentata dal Psoe è “cattiva per la Spagna e va contro la stabilità del Paese” e serve solo gli interessi di Sanchez. Rajoy ha quindi risposto alla richiesta di elezioni anticipate di Ciudadanos affermando che è sua esclusiva prerogativa sciogliere le camere. In una conferenza stampa improvvisata al termine della riunione settimanale del governo, Rajoy, con tono irritato, ha attaccato il leader dell’opposizione che ha accusato di “volere essere presidente del governo a qualunque costo, con l’appoggio di chiunque, compresi i partiti separatisti”. Il premier ha chiarito di non intendere farsi da parte e di puntare ad arrivare al termine della legislatura nel 2020.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezuela: checché ne dicano Stati Uniti e Ue, con Maduro ha vinto la democrazia

next
Articolo Successivo

L’Avana, spunta un nuovo impressionante video dello schianto: l’aereo precipita in verticale

next