Il campionato di serie A si è concluso e la Juventus si è cucita il settimo scudetto consecutivo sul petto. Ma le polemiche non sono mancate anche in questa stagione appena conclusa. ‘Accordi & Disaccordi’, condotto da Andrea Scanzi e Luca Sommi il lunedì alle 21,25 sul Nove, questa sera avrà come protagonista uno che la Signora la conosce bene: Luciano Moggi. L’ex dirigente sportivo del club bianconero, al centro dello scandalo Calciopoli, si confronta col giornalista partenopeo Raffaele Auriemma, telecronista e tifoso del Napoli.

Moggi rifiuta ogni addebito sul suo passato e Scanzi lo paragona a Giulio Andreotti: “Ogni cosa che la riguarda, lei Moggi dice che non c’entra niente, mi ricorda Andreotti…”. L’ex procuratore tira dritto: “Lascia perdere Andreotti. Io ti dico: ‘Dimostrami il contrario’. Nessuno riesce a dimostrarmelo”. Luca Sommi ricorda le sentenze: “Però, Moggi, i giudici di primo e di secondo grado sono stati in grado di dimostrarlo …”. Moggi si difende alludendo al complotto: “Eh lì purtroppo vi auguro di non capitare dove sono capitato io, per voi e i vostri eventuali figli. Io ho subito di tutto e di più”. Sommi lo invita a redimersi: “Sa cosa diceva Carmelo Bene? Che alla fine il protagonista del dramma si pente sempre. Si penta Moggi”. Niente da fare, Moggi non ha dubbi: “No. Non posso pentirmi perché ho fatto del bene a troppi, compreso il calcio italiano. Se volete mi pento, volete che pianga?”.

“Accordi&Disaccordi”, in onda tutti i lunedì alle 21.25, è una serie originale prodotta da Loft Produzioni per Discovery Italia e sarà disponibile anche su Dplay (sul sito www.it.dplay.com – o scarica l’app su App Store o Google Play). Nella prima puntata, Alessandro Di Battista e l’ex magistrato e senatore Pd Gianrico Carofiglio si sono confrontati sulla difficile alleanza tra il Movimento 5 Stelle di Luigi Di Maio e la Lega di Matteo Salvini. Nove è visibile al canale 9 del Digitale Terrestre, Sky Canale 145 e Tivùsat Canale 9.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Giuseppe Graviano cita Berlusconi nel colloquio in carcere con Fiammetta Borsellino – Esclusiva Sekret (video)

prev
Articolo Successivo

La Confessione, Eva Henger ospite di Peter Gomez: “Mia figlia pornostar? Mai, il marchio resta e rischi malattie mortali”

next