Farah è al sicuro e dovrebbe far ritorno in Italia nei prossimi giorni. La 19enne pakistana residente a Verona, portata con l’inganno dalla famiglia in patria e costretta ad abortire, si trova nella residenza dell’ambasciatore italiano a Islamabad. Lo ha annunciato sabato la Farnesina citando il ministro degli Esteri Angelino Alfano: “Ora lavoriamo per farla partire per l’Italia lunedì o martedì”,  si legge sul profilo Twitter del ministero, dove è stata postata anche una foto della ragazza con alle spalle la bandiera italiana e quella europea.

Venerdì, grazie ad un’operazione condotta dalla polizia pakistana, la ragazza era stata liberata da chi la stava trattenendo. “Dopo quella di ieri, anche oggi è un’altra giornata di sollievo per noi”, ha detto l’assessore ai Servizi sociali del Comune di Verona, Stefano Bertacco. “Sappiamo Farah al sicuro e con il complesso iter del ritorno già avviato in tempi rapidi. Adesso ci auguriamo che il tutto sia veloce e che si concretizzi il suo sogno di ritornare in Italia”.

Per il rientro sarà necessario rifare il passaporto e gli altri documenti che i familiari le hanno sottratto al momento della segregazione in Pakistan. Documenti che le sono stati tolti appena giunta nella zona di Lahore, e che sarebbero stati persi o distrutti. Farah potrà così raggiungere il fidanzato, un giovane connazionale adottato da una famiglia di Verona. “Ho di nuovo ribadito alla Farnesina la completa disponibilità del Comune ad accoglierla nelle nostre strutture protette – ha detto ancora Bertacco – e ci auguriamo che, una volta in Italia, la sua destinazione finale sia quella di Verona, la città dove risiede da dieci anni e che la sta aspettando. A garantire la sicurezza di Farah, se mai ce ne fosse ancora bisogno, ci pensiamo noi. Siamo pronti anche per il sostegno psicologico che potrebbe essere necessario per voltare pagina”, ha concluso l’assessore.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Milano, madre prende a schiaffi la maestra del figlio: “L’aveva graffiato”. Ma la scuola smentisce

prev
Articolo Successivo

Marcia per la vita, prolife in corteo a Roma contro eutanasia e legge 194: “Aborto? È omicidio, carcere per donne e medici”

next