La procura di Firenze ha chiesto il rinvio a giudizio di Marco Camuffo e Pietro Costa, i due militari, di recente destituiti dall’Arma dei carabinieri, accusati di aver violentato due studentesse americane di 20 e 21 anni a Firenze la notte del 7 settembre scorso, dopo averle riaccompagnate a casa con l’auto di servizio. Per entrambi l’accusa è violenza sessuale aggravata.

Nei giorni scorsi Costa e Camuffo erano stati destituiti con una decisione adottata dall’Arma al termine di un’indagine disciplinare, avviata parallelamente all’inchiesta penale a seguito delle denuncia delle giovani americane. Entrambi erano già stati sospesi e tenuti a metà stipendio. Davanti al tribunale militare inoltre è fissata per il prossimo 27 giugno l’udienza preliminare per i reati di concorso in violata consegna e in peculato militare.

Nelle scorse settimane, alla chiusura delle indagini condotte dalla pm Ornella Galeoffi, era emerso che Camuffo aveva definito “una galanteria” l’aver riaccompagnato a casa le due: “Avrei dovuto avvisare il comandante, ma non l’ho fatto. Ma si è sempre fatto così – ha spiegato ai magistrati – perché magari per motivi di sicurezza le aggrediscono nel portone. Così ci siamo consultati, perché eravamo titubanti”. Eppure, secondo l’inchiesta, alla fine furono proprio loro due ad approfittare delle ragazze, abusando della loro condizione di ubriachezza, una volta arrivati in Borgo Santissimi Apostoli. Entrati nell’androne, aggiunse il carabiniere durante l’interroagtorio “capii che si era realizzata un’occasione di sesso e così ci siamo comportati da maschietti“. “Non sono degli stupratori, sarà dimostrata la loro innocenza nel processo penale che verrà fatto e chiederemo così la loro riammissione nell’Arma”, aveva ribattuto il legale di Costa, Giorgio Carta, che preannuncia ricorso al Tar per l’annullamento del provvedimento deciso dai vertici dell’Arma.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Valle d’Aosta, inchiesta sul casinò di Saint Vincent: ex presidente Rollandin accusato di concorso in truffa aggravata

prev
Articolo Successivo

Padova, incidente alle Acciaierie Venete: sette indagati. “Anche i vertici aziendali”

next