Per l’incidente di domenica alle Acciaierie Venete di Padova, la procura ha deciso l’iscrizione nel registro degli indagati di 7 persone. Sotto inchiesta, stando a quanto scrive l’Ansa, ci sarebbero i vertici dell’azienda, quelli della sicurezza, e i rappresentanti legali di alcune ditte che lavorano in appalto. Al momento, si tratta di un’iscrizione “tecnica”, necessaria per l’affidamento da parte del pm della perizia sui macchinari.

Nell’incidente sono rimasti feriti 4 operai, due dipendenti dell’azienda e due della Hayama Tech, ditta esterna attiva nello stabilimento di Padova. Due operai – Marian Bartu e Sergiu Todita – hanno riportato ustioni su tutto il corpo e sono ricoverati in condizioni critiche negli ospedali di Padova e Cesena. Un altro è ustionato sul 13% del corpo e il quarto è stato dimesso la sera stessa della tragedia con una prognosi di 15 giorni.

Secondo quanto ricostruito finora, alle 7.50, una siviera con 90 tonnellate di acciaio fuso si è sganciata mentre era in movimento crollando al suolo. L’impatto ha provocato l’apertura della “cesta” con la fuoriuscita di una “bolla di vapore” che ha travolto i due feriti più gravi e lo sversamento di diverse tonnellate di materiale incandescente i cui schizzi ha colpito altri due operai.

Giorgio Gallo, dipendente e delegato Fiom-Cgil dello stabilimento, tra i primi a soccorrere i feriti, ha raccontato che “sembravano ‘fusi’”: “Il calore tremendo gli aveva lasciato addosso solo le scarpe e brandelli dei pantaloni“. Assieme a lui si sono salvati altri cinque lavoratori che si trovavano all’interno del capannone, attuale sotto sequestro da parte della magistratura padovana.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Stupro Firenze, chiesto il rinvio a giudizio per i due carabinieri destituiti dall’Arma

prev
Articolo Successivo

Morto in carcere a Perugia, il figlio di Aldo Bianzino chiede la riapertura delle indagini per omicidio

next