Quella che vedete qui sopra, insieme alla “mente” che l’ha ideata, è la Mazda MX-5 Yamamoto Signature. Ovvero la seconda delle tre versioni speciali della famosa roadster giapponese (le “The Top Limited Editions), dedicata agli appassionati della guida sportiva, che verrà proposta in edizione limitatissima: solo quattro esemplari, prenotabili online dal 17 maggio sul sito www.mazda.it al prezzo di 37.500 euro. E, soprattutto, firmati da quel signore che vedete lì accanto: Nobuhiro Yamamoto, lo storico ingegnere giapponese che ha dedicato vent’anni della sua vita allo sviluppo delle varie MX-5 che si sono succedute nel tempo. In pratica, il loro papà. Che ha messo su questa show car tutta la sua esperienza, modellandola in maniera speculare alla sua Miata personale. Nasce sulla base della versione 1,5L Exceed con soft top e cambio manuale a 6 marce: l’agile e reattivo 1.5 da 131 cavalli è infatti l’essenza stessa di questa vettura, che punta tutto sulla leggerezza. Quanto alla livrea è stato scelto il colore nero con dettagli in rosso, mentre gli interni sono in Alcantara e camoscio bicolore, con la firma di Nobuhiro Yamamoto cucita a rilievo sulla plancia davanti al sedile del passeggero. Quest’auto è poi ulteriormente personalizzabile con un kit in grado di esaltare il piacere di guida, che comprende impianto frenante con tubi aeronautici in treccia metallica (anteriore Brembo e posteriore con pinze Nissin), assetto completo regolabile Öhlins, cerchi in lega ENKEI da 16″.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Mini, un esemplare unico per il matrimonio di Harry e Meghan – FOTO

prev
Articolo Successivo

Volvo, il primo modello senza l’opzione diesel sarà la S60

next