A una settimana dalle elezioni regionali la procura di Aosta ha chiuso l’inchiesta su un giro di corruzione in Valle d’Aosta che vede indagato anche l’ex presidente Augusto Rollandin. Nell’inchiesta, che riguarda principalmente le forniture di beni, alimentari e no, ad alcune partecipate regionali, sono indagate in tutto sette persone, accusate a vario titolo di concorso in corruzione e in turbativa d’asta e di peculato. A Rollandin è contestata anche l’associazione per delinquere assieme all’ex manager della Finaosta Gabriele Accornero e all’imprenditore Gerardo Cuomo.

Le indagini erano partite da un filone dell’inchiesta della procura di Milano sull’ex procuratore capo di Aosta, Pasquale Longarini, finito agli arresti domiciliari nel gennaio del 2017 per induzione indebita e favoreggiamento. In particolare la procura di Aosta si è occupata delle forniture di beni ad alcune partecipate e del trasferimento del ‘Caseificio valdostano’ di Cuomo nei locali della Autoporto spa, partecipata regionale, e dalla successiva rinegoziazione del contratto d’affitto. Per altri due indagati è stata chiesta l’archiviazione mentre la posizione di un altro è stata stralciata.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

MANI PULITE 25 ANNI DOPO

di Gianni Barbacetto ,Marco Travaglio ,Peter Gomez 12€ Acquista
Articolo Precedente

Silvio Berlusconi riabilitato, ecco perché il Tribunale ha “concesso” al leader di Forza Italia l’agibilità politica

next
Articolo Successivo

Monte dei Paschi di Siena, pm di Milano chiedono l’archiviazione di Profumo e Viola per falso in bilancio

next