Parte da GenovaRif LAB”, il laboratorio anticorruzione di alta formazione della durata di due giorni che, nei prossimi mesi, girerà l’Italia. L’idea del team della campagna Riparte il futuro, promotore dell’iniziativa, è quella di formare una rete di cittadini consapevoli e attivisti in grado di utilizzare strumenti di comunicazione sociale per combattere la corruzione in Italia​. “I laboratori sono pratici – spiegano i promotori a ilfattoquotidiano.it – con attività interattive e laboratoriali, organizzati in piccoli gruppi di dialogo e discussione. Inoltre, a ogni laboratorio saranno presenti esperti di comunicazione sociale e di corruzione: un’occasione speciale per incontrare i migliori professionisti del campaigning sociale. Alla fine del corso diverse saranno le competenze acquisite dai partecipanti: sviluppo e progettazione di una campagna digitale compresa di video, le potenzialità dello storytelling, i metodi di indagine sul fenomeno di corruzione, l’invio di una richiesta di accesso FOIA alla pubblica amministrazione, la conoscenza approfondita delle attività di lobbying e advocacy“. Dopo Genova e Roma sono previste tappe a Torino e poi Milano, Napoli, Palermo, Reggio Calabria, Matera, Bari, Cagliari. I workshop sono gratuiti e aperti a tutti senza limiti d’età. Per partecipare è necessario inviare la propria candidatura attraverso il sito di Riparte il futuro,​ per ogni città saranno selezionate trenta persone
close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Salerno, madre in fuga con neonato che sarebbe stato affidato: ritrovata

prev
Articolo Successivo

Napoli, San Gennaro non delude. Il miracolo c’è, ma sangue già liquefatto all’estrazione delle reliquie dalla cassaforte

next