“Se qualcuno è rimasto offeso mi scuso, non era mia intenzione offendere nessuno”. Dopo aver definito Israele “un prodotto coloniale” e aver sostenuto che l’usura è stata tra le cause della Shoah, il presidente palestinese Abu Mazen è tornato sulle frasi incriminate pronunciate durante il Consiglio nazionale palestinese di mercoledì: “Ho profondo rispetto per la fede ebraica e per altre fedi monoteistiche. Ribadisco la nostra ben nota condanna della Shoah come uno dei crimini più odiosi della storia ed esprimiamo solidarietà alle vittime”, ha detto il leader palestinese, che ha anche aggiunto di “condannare l’antisemitismo in tutte le sue forme”.

Le scuse di Abu Mazen sono state respinte dal ministro della difesa isreaeliano Avigdor Lieberman: “Abu Mazen – ha twittato il ministro – è un patetico negazionista della Shoah che ha scritto un dottorato e più tardi ha pubblicato un libro su tesi negazioniste. Questo è quello che dovrebbe essere considerato. Le sue scuse non sono accettate”.

Abu Mazen, parlando della questione ebraica in un discorso di 90 minuti trasmesso in diretta, aveva detto tra le altre cose: “La ‘questione ebraica’, che era diffusa in tutta Europa, non era diretta contro la loro religione, ma le loro mansioni sociali, legate all’usura, all’attività bancaria e simili”. Le scuse arrivano nel giorno della sua conferma a presidente dello stato di Palestina e capo del Comitato esecutivo dell’Olp, che nella stessa giornata ha anche “condannato e respinto la decisione illegale del presidente Trump di riconoscere Gerusalemme quale capitale di Israele e di spostarvi da Tel Aviv la propria ambasciata”.

 

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Israele celebra i 70 anni dell’indipendenza. Il futuro però è binazionale

prev
Articolo Successivo

Bicentenario nascita Marx, polemiche per la presenza di Juncker alle celebrazioni e la statua di 5,5 metri donata dalla Cina

next