“Impossibile guidare il partito in queste condizioni”. Maurizio Martina, dopo la sconfessione pubblica della sua linea da parte di Matteo Renzi e la conseguente chiusura ai 5 stelle, ha annunciato che “per rispetto della comunità Pd” porterà la questione in direzione. Ma ha attaccato: “Così un partito rischia solo l’estinzione”. Una presa di posizione seguita da quelle di Franceschini, Orlando, Boccia, Emiliano. Il fuoco di fila spinge l’ex segretario a rispondere: “Sono stato eletto in un collegio. Ho il dovere, non solo il diritto, di illustrare le mie scelte agli elettori. Parlerò anche in direzione – scrive su Facebook rilanciando l’intervista a Che tempo che fa – Rispetto chi nel Pd vuole andare a governare con M5S, ma credo sarebbe un grave errore. Rispetto per tutti, censura per nessuno”. Dentro il Partito democratico è ormai guerra totale.

Martina, interpellato dall’agenzia Ansa, ha negato di essere pronto a dimettersi. Intanto il confronto del 3 maggio che avrebbe dovuto decidere se aprire o meno al dialogo con i 5 stelle è stato sminuito d’importanza e reso nei fatti inutile dalle parole di Renzi: in diretta su Rai 1 da Fabio Fazio ha infatti chiuso a ogni ipotesi di apertura e, di conseguenza, Di Maio ha chiesto il voto anticipato. Dopo Martina è intervenuto il ministro uscente alla Cultura Dario Franceschini, uno dei pontieri che più ha lavorato per trovare un punto di mediazione con i 5 stelle: “Renzi fa il Signornò“, ha scritto su Twitter, “smonta quello che il suo partito stava cercando di costruire”.

Accanto a Martina si schiera anche Andrea Orlando: “Ha ragione, non si può tenere un partito in queste condizioni se si ha a cuore il suo destino”. In un lungo post su Facebook, il ministro uscente della Giustizia spiega che “ci è stato detto che, data la situazione istituzionale, non si poteva fare un Congresso. Abbiamo dato comunque la nostra disponibilità ad accettare la reggenza di Martina, ma dal giorno dopo è stato evidente che le difficoltà maggiori nello svolgimento del suo ruolo sono venute proprio da una parte di coloro che lo avevano indicato”. Adesso però, spiega uno dei leader della minoranza Pd, “le urne si avvicinano, non c’è una linea né condivisa né maggioritaria, non si capisce chi dirige il partito” ed “è ragionevole pensare che senza una correzione ci ripresenteremo agli elettori con gli stessi limiti del 4 marzo”. L’ex vicepresidente Lorenzo Guerini ha invitato alla calma: “Invito tutti ad abbassare i toni”, ha detto. “È un dibattito, il nostro, in cui ci sono opinioni note, anche giudizi diversi sui passaggi che sono di fronte al Paese. Ma dobbiamo, anche attraverso un dibattito serio e non reticente, ma che sia teso alla coesione della nostra comunità, lavorare insieme, anche in queste ore. Giovedì ci confronteremo come si confronta un partito come il nostro”.

Una reazione, quella di Martina, attesa per ore dopo l’intervista di Renzi del 29 aprile. E nel primo pomeriggio, il segretario reggente ha deciso di parlare. In direzione, ha dichiarato, “servirà una discussione franca e senza equivoci perché è impossibile guidare un partito in queste condizioni e per quanto mi riguarda la collegialità è sempre un valore, non un problema”. Quindi ha continuato: “In queste ore stiamo vivendo una situazione politica generale di estrema delicatezza. Per il rispetto che ho della comunità del Partito democratico porterò il mio punto di vista alla direzione nazionale di giovedì 3 maggio che evidentemente ha già un altro ordine del giorno rispetto alle ragioni della sua convocazione”. E poi rivolto più o meno direttamente a Renzi ha detto: “Servirà una discussione franca e senza equivoci perché è impossibile guidare un partito in queste condizioni e per quanto mi riguarda la collegialità è sempre un valore, non un problema. Ritengo ciò che è accaduto in queste ore grave, nel metodo e nel merito”. E ha concluso: “Così un Partito rischia solo l’estinzione e un distacco sempre più marcato con i cittadini e la società; si smarrisce l’impegno per il cambiamento e non si aiuta il Paese. Per questo continuo a pensare che il Pd abbia innanzitutto bisogno di una vera ripartenza su basi nuove”.

Poche le altre reazioni pubbliche degli altri esponenti del partito che preferiscono rimandare il confronto alla direzione. Mentre i renziani, i fedelissimi dell’ex segretario, continuano da ore a difendere la linea annunciata dal salotto di Fazio, i più critici tacciono. Intanto il presidente del partito Matteo Orfini, membro della delegazione che ha incontrato Roberto Fico la settimana scorsa ma anche uno dei dirigenti da sempre contro l’accordo con i 5 stelle, ha scritto un tweet in risposta alle parole di Di Maio. E ha ignorato completamente il dibattito interno al Partito. “Finalmente una sincera autocritica”, ha scritto in tono provocatorio.

Chi è rimasto gelato dal discorso di Renzi è la minoranza, ma anche in generale l’anima dialogante che nei giorni scorsi ha lavorato per aprire uno spiraglio sul fronte M5s e “dare una mano a Sergio Mattarella“. Dei critici, oltre ad Orlando, ha parlato il senatore Antonio Misiani: “Che Renzi, il primo responsabile della disfatta del 4 marzo, cerchi di dettare la linea al Pd con un one-man show televisivo non è solo surreale: è inaccettabile. Per il metodo, perché delegittima il segretario reggente e toglie significato al confronto in direzione nazionale. Nel merito, perché – senza un briciolo di autocritica per gli errori di questi anni – propone una linea velleitaria, che in queste condizioni ci porta solo in un vicolo cieco”.

Prima di conoscere la reazione di Martina, l’altro esponente della minoranza più noto, ovvero il deputato Francesco Boccia, aveva rilasciato alcune interviste ai quotidiani attaccando duramente l’ex segretario. “Per Renzi non è successo nulla, è fermo al 4 dicembre del 2016”, ha detto al Corriere della Sera. “Se avesse a cuore l’interesse del Paese prenderebbe in considerazione la formula dell’appoggio esterno”. E a La Stampa ha aggiunto: “Siccome il nostro non è un partito di proprietà di nessuno, quando sarà terminato il confronto capiremo cosa è giusto fare. Renzi dice che si è dimesso da tutto. Ma mi pare che abbia fatto un’intervista di uno che pensa di non essersi dimesso da nulla. Invece abbiamo un ottimo presidente del Consiglio, che è Gentiloni, e un segretario reggente, Martina, che sta facendo bene. Aiutiamoli, anziché dirgli cosa devono fare. Io voglio bene a Renzi e vorrei tornasse a dare una mano al Pd. Gli chiedo di ritrovare il sorriso di 5-6 anni fa”. E sempre al Corriere aveva detto: “Facciamolo decidere al partito. È sempre sgradevole dire ‘io ordino ai miei di fare questò e gli altri eseguono – osserva – Facciamo una discussione vera e lasciamo tutti liberi di scegliere, altrimenti questi deputati sembrano soldatini”. Sull’apertura a un governo per le riforme, Boccia commenta: “Ha un senso, sì. Ma se lo avesse proposto con minore ira si sarebbe capito meglio”.