“Mai con i 5 stelle”. Mezz’ora di intervento in diretta su Rai1 basta per azzerare una settimana di trattative con Luigi Di Maio e per bruciare, anticipandola, la direzione Pd. Matteo Renzi fa il padrone del Partito democratico ed esce dal silenzio, se così si può chiamare, con un’intervista-comizio a “Che tempo che fa”. Lui, ex segretario formalmente dimissionario, sconfessa tutta la linea del reggente Maurizio Martina (“Su 52 senatori democratici non ne conosco uno disposto a votargli la fiducia”) e apre a un governo di tutti per fare la legge elettorale e, sua vecchia ossessione, riformare la Costituzione. Neanche dieci minuti dopo, il capo politico M5s, che in mattinata aveva scritto una lettera ai democratici, replica su Facebook: “Non riescono a liberarsi di lui. I dem dicono di no ai temi, la pagheranno”. E preannuncia novità che svelerà ai suoi elettori già il 30 aprile, segno che aspettare la decisione della direzione Pd del 3 maggio non è nemmeno più necessario. “Io voglio ringraziare pubblicamente il bulletto di Rignano“, ha scritto il deputato fedelissimo di Di Maio Stefano Buffagni su Facebook, “ci ha ricordato perché abbiamo sempre combattuto il suo Pd”. Segno che l’ipotesi di alleanza M5s e Pd oggi incassa un duro colpo.

Renzi non ha dubbi: la linea è quella dell’opposizione e quella deve rimanere. Vede un’unica apertura: “il governo di tutti” per fare la riforme, ovvero una legislatura costituente. Torna quindi sul suo trauma, la sconfitta del 4 dicembre 2016 al referendum costituzionale: “Da quel giorno il Paese è bloccato”, dice tirando una stoccata al premier Paolo Gentiloni che ha guidato il governo dopo di lui. Anche se i dati economici del 2017, smentiscono questa ricostruzione. Se tutti aspettavano le parole dell’ex segretario per dare un colpo allo stallo delle trattative Pd-M5s, è arrivata una violenta battuta d’arresto a ogni evoluzione che non sia stare all’opposizione. Quindi chiusura totale sui temi, su cui lo stesso Martina invece aveva lasciato spiragli: “Il reddito di cittadinanza per me non sta né in cielo né in terra”, dice Renzi. Oppure: “Vogliono cambiare il Jobs act? Vadano dall’altro Matteo“. Renzi non ci prova neanche ad alzare la posta, come ipotizzato in queste ore, e neppure di mettere in difficoltà il capo politico M5s. Addirittura rompe la pax tra le parti, criticando il presidente della Camera M5s Roberto Fico e commentando il caso sollevato da le Iene sulla presunta colf in nero: “Sarebbe grave”, dice, “se fosse vero. Il concetto è molto semplice: non puoi dire ‘io facevo beneficenza e lei si sdebitava’. E’ giusto che Fico venga in Parlamento a chiarire”. Secondo quanto si apprende da fonti parlamentari all’Ansa, il regolamento non prevederebbe però che il presidente della Camera riferisca in Aula in una simile circostanza.

L’intervista-comizio di Renzi detta la linea a un partito che ancora non si sa se sarà in grado di ribellarsi alle parole dell’ex segretario. Le deboli aperture ipotizzate dagli ultimi retroscena sono state spazzate via nel giro di pochi minuti: “Siamo seri”, esordisce Renzi, “chi ha perso le elezioni non può andare al governo. Sette italiani su 10 hanno votato o per Salvini o per Di Maio. Noi non possiamo con un gioco di palazzo uscire dalla porte ed entrare dalla finestra. Il governo lo deve fare chi ha vinto”. Mai nel corso dell’intervista c’è un cedimento alla linea della chiusura: “Incontrarsi è un bene, sempre. Si parlano le Coree, si possono parlare 5 stelle e Pd, 5 stelle e Lega. Penso che incontrarsi con Di Maio sia un fatto normale, naturale, come con altri leader. Secondo me andrebbe fatto in streaming l’incontro. Così vediamo se hanno cambiato idea su vaccini Tav reddito di cittadinanza. Però le elezioni le hanno vinte loro”. E a domanda di Fazio ribadisce: “Incontrarsi con Di Maio sì, votare la fiducia a un governo Di Maio no. Anche per rispetto per chi ci guarda da casa, la gente sennò poi non crede più ala democrazia”. Cioè, dice: “Non è una ripicca dire di no, è dignità ed etica”.

Secondo Renzi stare all’opposizione è una questione di rispetto delle “regole democratiche”: “Non possiamo far passare il messaggio che il 4 marzo sia stato uno scherzo. Il Pd ha perso: tocca a Salvini e Di Maio governare. Non possiamo rientrare dalla finestra come un gioco di palazzo” o con decisioni “dei caminetti romani”. Per essere ancora più convincente, il senatore ed ex segretario fa la conta di chi davvero è pronto a sostenere in Parlamento un governo Di Maio: “Su 52 senatori Pd, almeno 48 devono votare a favore. Io di disponibili alla fiducia a Di Maio non ne conosco uno”, dice. Segno che i suoi, quelli che lui ha messo in lista, li ha già sondati. Nemmeno quando Fazio prova a stuzzicarlo sui temi, e proprio sui punti di apertura concessi da Martina, Renzi stronca: “Il reddito di cittadinanza per me non sta né in cielo né in terra: io pago i cittadini per non fare niente. Che ci vadano i 5 stelle al Sud a dire che è impossibile farlo”. Così pure sulle modifiche al Jobs act: “Vada da quell’altro Matteo se vuole cambiarlo”. Drastico anche sulla teoria dei due forni M5s: “O franza o spagna basta che se magna”, è il suo commento.

L’ex segretario dice che potrebbe vedere Di Maio in streaming, ma il no all’accordo rimane anche nel caso estremo che il leader faccia un passo indietro. “Lo hanno escluso loro. Ma no, questa storia di Di Maio premier a tutti i costi la pensa solo Di Maio: ha preso il 32%, è un bellissimo risultato ma l’aritmetica ha le sue regole. Il 32% non è il 51%. Ma venire a chiedere a chi hai accusato di tutti i mali e con cui non condividi l’idea del futuro di fare un governo…”. Quindi riattacca con l’ossessione delle riforma costituzionali per ispirarsi alla Francia: “O fanno il governo i populisti che hanno vinto o facciano loro una proposta di riforma costituzionale. Dal 4 dicembre 2016 questo Paese è bloccato: su questo si poteva fare un governo insieme. Da quel momento l’Italia non è più in grado di avere un sistema efficace ed efficiente. Non era un referendum sui poteri di Renzi ma sul futuro dell’Italia. E’ un contrappasso dantesco. Salvini e Di Maio avrebbero avuto interesse a farsi un ballottaggio”. E ancora: “Che il Pd non debba andare al governo lo dice anche Salvini ma secondo me il 99% dei cittadini. Su questo punto sono d’accordo con lui, lo ammetto. Uno che ha votato Pd e ha perso come fa a dire: torniamo per un sottosegretario o un consigliere d’amministrazione al governo? Ci portano via…”.

Renzi cita anche per due volte Emmanuel Macron, il presidente francese che ha lasciato i socialisti per creare il suo partito e a cui lui guarda ormai da mesi: “La mia tentazione”, dice, “è costruire un sistema alla francese”. Perché in questi giorni “l’ho visto a cena con Donald Trump“, e l’ultima volta “c’era l’Italia a tavola con gli Usa”. “Lei ha la tentazione di costruire un sistema alla Macron?”, chiede Fazio: “Io ho la tentazione di costruire un sistema alla francese”, è la risposta. Cosa vuol dire? E’ presto per dirlo, ma se l’intervista da Fazio avrà effetti sul governo, molti ne avrà anche dentro il Partito democratico. Ancora saldamente nelle mani dell’ex segretario. “Il Pd deve guardare in faccia la realtà”, chiude Renzi. “Deve smettere di litigare al proprio interno. Sono stato massacrato per cinque anni. C’era una opposizione interna che invece di attaccare Salvini attaccava me e si è visto il risultato delle elezioni…”.