Una trentina di giovani, in gran parte attivisti dei centri sociali, ha rimosso uno dei due varchi che il Comune di Venezia aveva posto ieri, sabato 28 aprile, per regolamentare l’afflusso di turisti nel ponte ‘caldo’ del primo maggio. Si tratta del tornello ai piedi del Ponte di Calatrava, a Piazzale Roma. “Non c’entrano con controllo del turismo, non si mettono cancelli ad una città” ha detto Tommaso Cacciari, portavoce del Centro Sociale Morion Venezia

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

Venezia, no global rimuovono tornello al ponte di Calatrava: “Non è una riserva”. La polizia: “Cercano solo pubblicità”

prev
Articolo Successivo

Incidente Pioltello, l’indagine ministeriale per il momento è ‘segreta’: non ammessi i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

next