Una trentina di giovani, in gran parte attivisti dei centri sociali, ha rimosso uno dei due varchi che il Comune di Venezia aveva posto ieri, sabato 28 aprile, per regolamentare l’afflusso di turisti nel ponte ‘caldo’ del primo maggio. Si tratta del tornello ai piedi del Ponte di Calatrava, a Piazzale Roma. “Non c’entrano con controllo del turismo, non si mettono cancelli ad una città” ha detto Tommaso Cacciari, portavoce del Centro Sociale Morion Venezia

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Venezia, no global rimuovono tornello al ponte di Calatrava: “Non è una riserva”. La polizia: “Cercano solo pubblicità”

next
Articolo Successivo

Incidente Pioltello, l’indagine ministeriale per il momento è ‘segreta’: non ammessi i rappresentanti dei lavoratori per la sicurezza

next