Sono stati utilizzati un kalashnikov e una pistola per uccidere Antonio Fabbiano, un 25enne ritenuto vicino al clan Raduano, assassinato nella tarda serata di ieri a Vieste, nel Gargano. Fabbiano è stato colpito all’inguine e al torace. Ricoverato nella Casa Sollievo della Sofferenza di San Giovanni Rotondo, è morto dopo poche ore. Nella zona del delitto non vi sono – a quanto si apprende – telecamere di sorveglianza e vi è difficoltà da parte dei carabinieri di acquisire informazioni da potenziali testimoni.

L’agguato è avvenuto sotto la sua abitazione, in via Tripoli intorno alle 23. L’agguato – secondo gli investigatori – sarebbe avvenuto nell’ambito della sanguinosa guerra di mafia che da anni si sta consumando tra due clan il lotta per il controllo del traffico di droga. E proprio questo business che innescato la miccia.

Sull’omicidio indagano i carabinieri del Comando provinciale di Foggia. Sono una ventina i bossoli di fucile e pistola recuperati dai carabinieri del Comando provinciale di Foggia sul luogo in cui è stato ucciso Fabbiano, che aveva precedenti penali per rapina e droga. Ad agire sarebbero stati due killer che hanno atteso il 25enne mentre faceva ritorno a casa. I militari hanno compiuto cinque stub e sentito una decina di persone tra amici e conoscenti. A Vieste dal gennaio 2015, quando fu ucciso il boss Angelo Notarangelo, detto ‘Cintaridd’, si sono verificati otto omicidi, quattro agguati sono falliti e c’è stata una lupara bianca.

L’omicidio di ieri potrebbe essere la risposta all’omicidio di Gian Battista Notarangelo del 7 aprile, cugino dello storico boss di Vieste ucciso nel 2015. Delitto che di fatto ha aperto la guerra di mafia degli ultimi anni.

Diventa sostenitore,
fai parte della redazione.
Abbiamo bisogno di te.

I nostri Sostenitori partecipano alle riunioni di redazione in diretta streaming, suggeriscono spunti e notizie, navigano il sito senza pubblicità, consultano gratuitamente l’archivio del giornale. Potranno inoltre accedere al numero di aprile di Fq Millennium e a Loft, la nostra piattaforma Tv, per 3 mesi. Hanno un blog dedicato per pubblicare le loro analisi. Insomma sono fondamentali per la nostra comunità. E in questo periodo di crisi lo sono anche per coprire economicamente parte del lavoro della nostra redazione. Diventa anche tu Sostenitore. Clicca qui Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Terrorismo, fermato cittadino del Gambia da Digos e Ros a Napoli. “Emerso progetto di un attentato”

next
Articolo Successivo

Roma-Liverpool, due ultrà giallorossi incriminati per tifoso dei Reds in coma: “Caduta l’accusa di tentato omicidio”

next