Il duro scontro tra Massimo Giletti e l’ex deputato Italo Bocchino, in collegamento telefonico con lo studio di Non è L’Arena (La7). Si parla di vitalizi, Bocchino però si lancia in un paragone azzardato tra i soldi percepiti da parlamentare e i compensi del conduttore: “Io vorrei mostrarvi tutte le buste paga e parlare del rapporto tra parlamentare e contribuenti – dice Bocchino -. E vorrei che anche tu venissi con le tue buste paga…”. L’affermazione fa infuriare il conduttore che si lancia in una dura replica: “Tu fai politica io faccio il conduttore, ho sempre dichiarato pubblicamente quanto prendevo e con il mio lavoro ho fatto guadagnare fior di milioni all’azienda. Questo discorso fallo con Romeo e gli amici tuoi, io caro Italo, sono stato mandato fuori dal sistema Rai per le mie battaglie…”

Il Fatto di Domani - Ogni sera il punto della giornata con le notizie più importanti pubblicate sul Fatto.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Berlusconi, Tecce a Paniz: “Lei sostenne ‘Ruby nipote di Mubarak'”. “Avevo ragione”. Scontro sui vitalizi

next
Articolo Successivo

La7, Diaco vs Ruggiero (Tradizionalisti Cattolici) su unioni civili: “E’ tutto di cattivissimo gusto”. E lascia la trasmissione

next