“La chiusura di Quinta colonna? Sarebbe clamorosa”. Il Capo politico M5s Luigi Di Maio è intervenuto in difesa di Paolo Del Debbio, conduttore del programma di Rete 4 che Mediaset ha deciso di chiudere a partire dal 26 aprile in una strategia di purghe interne. “Mi auguro di no, spero siano solo delle voci, se fosse vero sarebbe clamoroso”, ha detto da Aosta dove si trovava per un comizio in vista delle Regionali. “Non siamo mai stati favoriti, chiamerò Del Debbio per esprimergli la mia solidarietà”.

Il riferimento è alle motivazioni che hanno spinto l’azienda a chiudere il programma insieme a “Dalla vostra parte” di Maurizio Belpietro. Se da una parte infatti hanno pesato gli ascolti deludenti, dall’altra è stata criticata “la spinta verso il populismo” non gradita a Forza Italia. Un intervento quindi che sarebbe volto a “normalizzare” l’offerta dei programmi che, secondo alcuni, avrebbe favorito partiti come Lega e Movimento 5 stelle.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Jacopo Iacoboni, negato l’accesso al convegno dell’associazione Casaleggio al cronista de la Stampa. Carelli lo difende

next
Articolo Successivo

Pd, il sospetto di Repubblica: “Gruppi di account iperattivi in rete”. Orlando: “Involuzione del dibattito interno”

next