“Le parole del segretario Martina sono le mie parole”. Andrea Orlando commenta così i tentativi di dialogo di Luigi Di Maio con il Partito Democratico, lasciando la convention “Sinistra anno zero” in corso a Roma. Parole, quelle del Segretario reggente del Pd che Di Maio giudica un’apertura.“È giusto dialogare, ma anche giusto non nascondere le distanze le reticenze, le contraddizioni che abbiamo denunciato in campagna elettorale e anche all’indomani delle elezioni – risponde Orlando, che aggiunge – io penso che noi dobbiamo incontrare tutti perché abbiamo una linea chiara e non dobbiamo avere paura di interloquire con nessuno”. Franceschini invita a riflettere? “Discutere è sempre utile – sostiene il Ministro della Giustizia – magari per arrivare alle stesse conclusioni, ma eviterei di assumere come direttrice programmatica l’idea che è meglio non discutere, perché questa non mi sembra un modo per affrontare una fase così complicata, però non mi sembra che si siano prodotti fatti che determinano una situazione completamente diversa, però è giusto valutarlo e discuterlo insieme”. Martedì (giorno nel quale il Pd riunirà i propri gruppi parlamentri, ndr) quindi i dem sceglieranno tra ‘arrocco’ o dialogo con M5s? “Vedremo la vita è più complessa di due opzioni” conclude Orlando.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Governo M5s-Pd? Prima i dem devono pretendere dai grillini delle comunicazioni al Paese

prev
Articolo Successivo

Pd, Richetti: “Servono primarie aperte”. E sul renzismo: “Riformismo va rilanciato. Ma il futuro del Pd non può essere il suo passato”

next