“Ho sofferto di dislessia da bambino, un problema che mi ha costretto a perdere due anni a scuola. Ne ho sofferto molto, ma al contempo mi ha aiutato a familiarizzare con i miei pensieri e i miei sogni”. Così Lapo Elkann a margine di un incontro sulla dislessia organizzato venerdì a Torino.

“La dislessia – ha spiegato Lapo davanti al pubblico di bambini – mi ha portato a sentirmi uno sfigato: ho sofferto molto il fatto di essermi diplomato insieme a mia sorella, di due anni più piccola, per essere stato bocciato da piccolo a causa dei miei problemi. I docenti, che ai miei tempi avevano molti meno strumenti di quelli attuali, dovrebbero capire che un bambino non può essere un problema e che con questo atteggiamento gli si crea solo sofferenza. Grazie alla mia battaglia ho sviluppato la creatività che oggi mi consente di fare ciò che amo”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te

In questi tempi difficili e straordinari, è fondamentale garantire un'informazione di qualità. Per noi de ilfattoquotidiano.it gli unici padroni sono i lettori. A differenza di altri, vogliamo offrire un giornalismo aperto a tutti, senza paywall. Il tuo contributo è fondamentale per permetterci di farlo. Diventa anche tu Sostenitore

Grazie, Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Mauro Donato, il fotoreporter è tornato a casa ma non scordiamoci chi ancora cerca la libertà

next
Articolo Successivo

Roma, si aprono 90 voragini ogni anno e 250mila persone sono a rischio alluvione ‘Sistemare sottosuolo? Serve un miliardo’

next