“La colpa è tutta mia” dice Mark Zuckerberg (e Steve Jobs che sognava un mondo felice a colpi di iTizio, iCaio e iPhonio…), a proposito della violazione dei dati che al 98% degli utenti social non frega una cippa. Indignazione virtuale, la privacy è mia me la gestisco io (‘spetta che posto una foto di dove sono e con chi sono così i ladri sanno che casa mia è libera).

Fedez intanto sottolinea che, a proposito delle foto domestiche, ha fatto ciò che avrebbe fatto una qualsiasi famiglia nata in questa epoca social (presuntuoso pensare che tutti faremmo lo stesso errore).

Zuckerberg e Fedez, due genitori (come me), proiettati in un futuro che, però, io già conosco: la cena di classe di fine anno organizzata via chat, un modo e un mondo in cui il genitore medio fa quello che alla cena di classe e altrove non fa più: parlarsi. O forse è il progresso.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Articolo Precedente

L’accordo Sky-Mediaset fa felici tutti. Ma restano tre piccole questioni

prev
Articolo Successivo

Il Codice privacy è abrogato e il Regolamento Ue non si può applicare. Abbiamo scherzato

next