“La colpa è tutta mia” dice Mark Zuckerberg (e Steve Jobs che sognava un mondo felice a colpi di iTizio, iCaio e iPhonio…), a proposito della violazione dei dati che al 98% degli utenti social non frega una cippa. Indignazione virtuale, la privacy è mia me la gestisco io (‘spetta che posto una foto di dove sono e con chi sono così i ladri sanno che casa mia è libera).

Fedez intanto sottolinea che, a proposito delle foto domestiche, ha fatto ciò che avrebbe fatto una qualsiasi famiglia nata in questa epoca social (presuntuoso pensare che tutti faremmo lo stesso errore).

Zuckerberg e Fedez, due genitori (come me), proiettati in un futuro che, però, io già conosco: la cena di classe di fine anno organizzata via chat, un modo e un mondo in cui il genitore medio fa quello che alla cena di classe e altrove non fa più: parlarsi. O forse è il progresso.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

RIVOLUZIONE YOUTUBER

di Andrea Amato e Matteo Maffucci 14€ Acquista
Articolo Precedente

L’accordo Sky-Mediaset fa felici tutti. Ma restano tre piccole questioni

next
Articolo Successivo

Il Codice privacy è abrogato e il Regolamento Ue non si può applicare. Abbiamo scherzato

next