A dieci anni dall’inizio dei lavori della Sibari-Sila, un’opera che avrebbe dovuto collegare la montagna e il mare, nella provincia di Cosenza, lo scenario che si apre a chi lo attraversa è desolante. Costellato da lingue di cemento armato, sospese nella vegetazione fitta, e piloni incastonati su ponti ormai arrugginiti. L’incompiuta calabrese oggi è la metafora di un Sud Italia che rovescia i propri figli verso il Nord, incapace di rilanciare l’economia e valorizzare l’immenso patrimonio di risorse naturali di cui è ricca.

Ce lo dice la genesi dell’opera, voluta in modo trasversale dalla destra e dalla sinistra calabrese. Nel 2008, a partire con i lavori è la Provincia di Cosenza, guidata da Mario Oliverio, attuale presidente della Regione Calabria. E proprio il presidente della Regione Calabria sostiene che i lavori ripartiranno a breve. “Abbiamo previsto attraverso di sbloccare questo lotto. E subito dopo dobbiamo continuare, perché la Sibari-Sila deve essere finita”. Ma il consigliere d’opposizione del Comune di San Demetrio, Adriano D’Amico, che da anni conduce una battaglia solitaria contro quest’incompiuta, afferma: “Io temo che quest’opera non venga mai finita. E’ fondamentale che, prima di pensare al secondo lotto, finiscano o mettano in sicurezza il primo”. Secondo quanto sostenuto da D’Amico, infatti, ci sarebbe il rischio che si parta con nuovi lavori, prima di terminare quelli iniziati dieci anni fa.

close

Prima di continuare

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L’abbiamo deciso perché siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un’informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità ci aiutano a pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo, ma non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Sei arrivato fin qui

Se sei qui è evidente che apprezzi il nostro giornalismo. Come sai un numero sempre più grande di persone legge Ilfattoquotidiano.it senza dover pagare nulla. L'abbiamo deciso perchè siamo convinti che tutti i cittadini debbano poter ricevere un'informazione libera ed indipendente.

Purtroppo il tipo di giornalismo che cerchiamo di offrirti richiede tempo e molto denaro. I ricavi della pubblicità non sono sufficienti per coprire i costi de ilfattoquotidiano.it e pagare tutti i collaboratori necessari per garantire sempre lo standard di informazione che amiamo.

Se ci leggi e ti piace quello che leggi puoi però aiutarci a continuare il nostro lavoro per il prezzo di un cappuccino alla settimana.

Grazie,
Peter Gomez

Diventa Sostenitore
Articolo Precedente

Roma, viaggio sul Tevere tra baraccopoli, plastiche e rischi esondazione: “Un patrimonio da salvare” 

next
Articolo Successivo

Mantova, Palazzo Ducale chiuso nel giorno di Pasquetta. “Mancano i custodi”

next