Tre milioni di euro: è questo il risarcimento disposto dalla Corte di Appello di Perugia per i 17 anni di carcere scontati ingiustamente da Hashi Omar Hassan, il somalo condannato a 26 anni per il duplice omicidio della giornalista Ilaria Alpi e di Miran Hrovatinassolto poi in via definitiva il 19 ottobre 2016 nella revisione del processo. La notizia è stata anticipata dalla trasmissione Chi l’ha visto? e confermata dall’avvocato Antonio Moriconi, uno dei legali di Hassan. La difesa del somalo aveva chiesto allo Stato italiano un maxi-risarcimento di dodici milioni, cifra calcolata sulla base dell’ingiusta detenzione e dei danni morali, biologici e materiali patiti da Hassan. I 3 milioni e 181 mila euro stabiliti invece dalla Corte d’Appello contano circa 500 euro al giorno per 6363 giorni di ingiusta detenzione.

L’uomo fu accusato dal connazionale Ahmed Ali Rage, detto Gelle, di essere uno dei componenti il commando che assassinò gli inviati del Tg3. Determinanti furono quelle dichiarazioni per la condanna di Hassan da parte della corte di assise di appello di Roma. Arrivato in Italia per testimoniare al processo, Gelle, che nel frattempo aveva trovato anche un impiego presso un’officina meccanica, scomparve improvvisamente alla fine del 1997. Fu rintracciato a Birmingham, in Inghilterra, da una giornalista di Chi l’ha visto e ammise di aver dichiarato il falso, ossia che non si trovava sul luogo del duplice omicidio e di aver accusato Hassan in quanto “gli italiani avevano fretta di chiudere il caso”. In cambio della sua testimonianza, precisò il somalo, ottenne la promessa che avrebbe lasciato il paese.”Nella sentenza di assoluzione – sottolinea Chi l’ha visto? – la Corte di Perugia ha parlato esplicitamente di attività di depistaggio di ampia portata, sui quali la madre di Ilaria Alpi ha chiesto che sia faccia luce. La procura di Roma ha invece avanzato una richiesta di archiviazione dell’inchiesta”.

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili
Articolo Precedente

Silvana Saguto, Csm ordina la sanzione massima: ‘Rimuoverla dalla magistratura’

next
Articolo Successivo

Consip, Marroni consegna ai pm le mail con Lotti. Che replica: “Sulla stampa ricostruzioni fantasiose”

next