“Se noi ai cittadini presentiamo un altro candidato premier, non eletto dai cittadini determiniamo il definitivo allontanamento dalla politica”. A dirlo a Radio 24, è l’esponente del Movimento 5 stelle, e candidato ministro della Giustizia, Alfonso Bonafede intervistato da Luca Telese e Oscar Giannino durante la trasmissione 24Mattino. E’ così che continua la dinamica dei rapporti tra i Cinquestelle e la Lega. Da una parte Salvini che continua a “corteggiare” il M5s, con aperture più o meno esplicite. Dall’altra il M5s che, come confermano le parole di Bonafede, guardano al Parlamento nella sua interezza, anche se (o forse proprio per questo) per il momento Di Maio resta ancora molto abbottonato. “A queste elezioni i cittadini hanno partecipato con entusiasmo e, quindi, va data una risposta e questa risposta secondo noi non può prescindere dalla presenza di Luigi Di Maio come candidato premier”, ha aggiunto Bonafede. “O lui o non si fa il governo?” chiede Luca Telese. “Noi riteniamo che debba essere lui il candidato premier, sì. Il premier del governo”. Bonafede ha parlato anche della possibilità di realizzare un reddito di cittadinanza universale, per tutti i nati in Italia, così come teorizzato tempo dal fondatore Beppe Grillo. “Lui parla di una proposta che in questo momento non può essere realizzata. Tuttavia realizzeremo un reddito di cittadinanza. Lo abbiamo promesso ai nostri elettori e rimane una nostra priorità da portare avanti, senza se e senza ma. Porteremo avanti il reddito di cittadinanza come porteremo avanti tutte le nostre promesse fatte in campagna elettorale” ha concluso

Oggi in Edicola - Ricevi ogni mattina alle 7.00 le notizie e gli approfondimenti del giorno. Solo per gli abbonati.

ISCRIVITI

Sostieni ilfattoquotidiano.it: mai come in questo momento abbiamo bisogno di te.

In queste settimane di pandemia noi giornalisti, se facciamo con coscienza il nostro lavoro, svolgiamo un servizio pubblico. Anche per questo ogni giorno qui a ilfattoquotidiano.it siamo orgogliosi di offrire gratuitamente a tutti i cittadini centinaia di nuovi contenuti: notizie, approfondimenti esclusivi, interviste agli esperti, inchieste, video e tanto altro. Tutto questo lavoro però ha un grande costo economico. La pubblicità, in un periodo in cui l'economia è ferma, offre dei ricavi limitati. Non in linea con il boom di accessi. Per questo chiedo a chi legge queste righe di sostenerci. Di darci un contributo minimo, pari al prezzo di un cappuccino alla settimana, fondamentale per il nostro lavoro.
Diventate utenti sostenitori cliccando qui.
Grazie Peter Gomez

ilFattoquotidiano.it
Sostieni adesso Pagamenti disponibili

SALVIMAIO

di Andrea Scanzi 12€ Acquista
Articolo Precedente

Reddito di cittadinanza, il presidente di Confindustria Boccia: “Non si sa da quali risorse, attenzione al deficit”

next
Articolo Successivo

Governo, Verdini tra “lezioni di Nazareno” e profezie: “Lega e M5s? Il governo si fa con i compromessi. E alla fine lo faranno”

next