Antonella Clerici entra nello studio de La Prova del Cuoco accompagnata da “Un amico in me“, brano tratto dalla colonna sonora di Toy Story, film nel quale Fabrizio Frizzi ha prestato la voce a uno dei personaggi principali. E’ commossa, Antonella, e non riesce a trattenere le lacrime. “Sono due giorni che non riesco a parlare – dice, appena entrata in studio, con la voce rotta –  potete capirmi. La Dear era la nostra casa, adesso sono passata nello studio de ‘L’Eredità’, c’è un tavolino con dei fiori che la gente comune, che lavora da tanti anni con noi ha lasciato con su scritto “Ciao Fabrizio”. Qui c’è un silenzio surreale, vorrei trasferirvi questo, a casa. Un silenzio delle persone che a Fabrizio hanno voluto davvero bene. Piangono tutti qui, dall’usciere, al guardiano, al direttore generale. Ieri con Carlo siamo andati a dargli l’ultimo saluto. E lui era lui ieri. Pensavamo a un uomo che ha fatto davvero tanto per gli altri, voi non avete idea di quanto. Tutte le cose di beneficenza che lui faceva e che nessuno sapeva… Tutto l’amore che lui ha dato gli sta tornando e se lui potesse vederlo ne sarebbe felice… Queste ultime settimane non sono state facili per lui. Io venendo qui tutti i giorni vedevo un po’ il suo stato di salute e martedì avevo chiamato Carlo e gli ho detto “Carlo vieni un po’ qui tu, cerca di capire come sta realmente Fabrizio”. Però, anche lì, una grande lezione di vita perché lui diceva sempre “io quando vado in onda, quando sono lì a registrare L’Eredità, quando penso al pubblico a casa e a quello che io riesco a dare, io sono felice”. E per lui venire qui e registrare era un motivo di vita, di gioia, e per questo l’abbiamo assecondato anche quando stava meno bene”.